Treni in ritardo e disagi vari, il video di “Striscia la Notizia”

Noicattaro. Striscia La Notizia in stazione front

 

È passata poco più di una settimana dal nostro articolo, in cui annunciavamo l’arrivo, a Noicattaro, delle telecamere di “Striscia la Notizia”, il telegiornale satirico di Canale 5. In particolare una folla di studenti ha accolto Pinuccio, noto comico barese, il quale ha realizzato un servizio sui disagi creati dalle Ferrovie del Sud-Est.

Durante il servizio di “Striscia la Notizia”, andato in onda la sera del 1° Marzo scorso (clicca qui per rivederlo), Pinuccio prova a prendere il treno per Conversano delle 7.42, constatando in prima persona l’effettivo ritardo. “Possiamo ribattezzare queste Ferrovie come le Ferrovie delle Sorprese: tu vieni, e quando passa il treno, passa”, ha commentato sarcasticamente Pinuccio.

Tra una intervista e l’altra, il comico barese ha avvicinato un macchinista, al quale ha chiesto i motivi dei continui ritardi. “Guardi, non so che dirle. Non so cosa risponderle”, ha dichiarato il dipendente, visibilmente imbarazzato.

Alcuni nojani, dopo aver spiegato la grave situazione a Pinuccio, segnalando anche il problema delle porte dei treni che non si chiudono durante il viaggio, hanno accompagnato la troupe televisiva al passaggio a livello di Rutigliano. Lo stesso passaggio a livello finito sulle pagine di cronaca di qualche settimana fa per non essersi chiuso durante il passaggio del treno diretto per Bari. Una tragedia sfiorata per poco!

E nella stessa mattinata Pinuccio è andato sul posto, rimanendo davvero sorpreso. Siamo al passaggio a livello tra Rutigliano e Conversano, la scena è tragicomica: si vede chiaramente che le sbarre sono alzate e un trattore sta per impegnare l’incrocio ferroviario. All’improvviso questo si ferma perché sente il fischio del treno in corsa. Questo rallenta e attraversa l’incrocio con le sbarre alzate. Come se nulla fosse! Un qualcosa di davvero agghiacciante.

Questi i disagi, che sono quasi il riflesso di una situazione societaria poco tranquilla. Un servizio che ha messo a nudo, con sarcasmo e ironia, i problemi delle Ferrovie del Sud-Est. Noi ne abbiamo approfittato per porre qualche domanda alla studentessa nojana che ha portato a Noicattaro le telecamere del noto telegiornale satirico.

Da dove è nata l’idea di contattare “Striscia la Notizia”?

Ero stanca dei soprusi ai danni di noi pendolari. Ho provato a parlare con un controllore e mi ha risposto che non potevamo fare nulla. All’ennesimo ritardo di oltre un’ora ho deciso di tentare il tutto per tutto, chiamando Pinuccio, e almeno lui ci ha ascoltati!

Cosa lamentano i pendolari? Quali sono i disagi causati dalle Ferrovie del Sud-Est?

Il problema più serio è rappresentato dai continui ritardi, che ci scombussolano intere giornate: infatti, spesso siamo costretti a prendere treni ore prima perché conosciamo la situazione. Inoltre, porte malfunzionanti e treni difettosi, uniti ai passaggi a livello che incredibilmente non si chiudono quando passano i treni, ci hanno portati all’esasperazione.

Lo scorso 1° Marzo è andato in onda il servizio. Pensate possa smuovere le (cattive) acque?

Io lo spero vivamente, ma questo è un tasto piuttosto dolente. Già il giorno dopo, ad esempio, la situazione non è cambiata, anzi. Non so cosa succederà ora, ma mi sentivo in dovere di fare qualcosa!

Quale sarà il prossimo step, qualora la situazione non dovesse migliorare?

Non lo so, davvero. Se neanche una figuraccia del genere in onda su una emittente nazionale è servita a coloro i quali siedono ai vertici della società, siamo messi male. In quel caso, ahimè, dovremo inghiottire il boccone amaro e andare avanti in questo modo e salire su quei treni, augurandoci di arrivare prima o poi a destinazione!

Noi ci auguriamo che la situazione possa pian piano migliorare, fino a tornare alla normalità. Per ora, tra una risata e l’altra, abbiamo incassato un’altra brutta figuraccia!

 

[da La Voce del Paese del 5 Marzo]

Noicattaro. Striscia La Notizia in stazione intero