Giovedì 22 Agosto 2019
   
Text Size

Sport e valori, alla scuola Gramsci i “Giochi di Primavera”

Noicattaro. Giochi di Primavera Gramsci front

 

È partito dal mese di Febbraio il progetto “Sport di Classe” presso l’Istituto Comprensivo “Gramsci Pende”, nato dall’impegno congiunto del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, del Coni e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con cui si intende integrare alle due ore di educazione fisica settimanali, le competenze del Miur e del Coni. Proprio per questo quindi, al fine di progettare e realizzare l’educazione fisica nell’ambito scolastico, è stata introdotta la figura del Tutor Sportivo.

E così, lunedì 21 Marzo, c’è stato uno dei momenti più importanti di questo progetto, presso la scuola primaria Gramsci: i “Giochi di Primavera”. La fase successiva, invece, si avrà tra il 29 Maggio ed il 4 Giugno, con i “Giochi di fine anno scolastico”.

Una mattinata dedicata allo sport, che i piccoli alunni hanno accolto con grande entusiasmo. Via i grembiuli quindi, tutti pronti a mettersi in gioco e a testare le proprie capacità. Infatti, i due tutor assegnati al plesso scolastico - Maria Cristina Didonna e Fabio Luce - hanno realizzato dei percorsi differenziati per gli alunni di prima e seconda elementare, poi di terza e quarta, ed infine per i più grandi di quinta.

Diverse quindi le competenze sportive richieste, a seconda delle fasce d’età: il salto dell’ostacolo, il rotolamento sui tappeti, la capovolta in avanti, gli slalom, il canestro, la rapidità di movimenti e tanto altro.

Palesemente divertiti e carichi gli studenti, armati di sportività e pronti con un buon gioco di squadra a portare a casa la vittoria. “È una gara - ha affermato il tutor Didonna - ma sempre restando nell’ambito del gioco e del divertimento. Non c’è una vera e propria competizione, i bambini devono solo pensare a divertirsi e a mettersi in gioco”.

Un’iniziativa degna di lode, con cui rendere l’ora di educazione fisica un’occasione di divertimento ma anche di crescita e di sviluppo personale.

Perchè il bello dello sport è proprio questo: riesce ad unire e a divertire, a prescindere dalla vittoria o dalla sconfitta, creando una vera e propria palestra di valori.


[da La Voce del Paese del 2 Aprile]

Noicattaro. Giochi di Primavera Gramsci intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI