Mercoledì 19 Giugno 2019
   
Text Size

Stazione Torre a Mare, il progetto di ampliamento del parcheggio c'è

Torre a Mare. Il parcheggio selvaggio alla stazione front

 

L’odissea dei pendolari, che da Torre a Mare raggiungono il centro città, si anima dell’ennesimo capitolo. La questione dell’area a parcheggio della piccola stazione ferroviaria di Torre a Mare - già affrontata in passato - da tempo interessa moltissimi pendolari, pelosini e nojani, che preferiscono utilizzare il treno per recarsi in città. In ben poco tempo il numero dei pendolari è aumentato, in ragione del servizio di trasporto efficiente e della comodità dello stesso (in meno di 10 minuti si raggiunge il centro cittadino), determinando di conseguenza un maggior numero di vetture in sosta nel piccolo spiazzale antistante la stazione e nella stradina di accesso, in cui è vietata la sosta, arrecando di fatto un disagio ai residenti delle aree residenziali limitrofe alla stazione. Le numerose sanzioni elevate dalla Polizia Municipale e le altrettante raccolte di firme, petizioni e quant’altro, hanno spostato l’interesse di Palazzo di Città, circa l’esigenza di ampliare lo spazio di sosta, ulteriormente ridotto dalla ristrutturazione del fabbricato (ex Terrafino) e della chiusura della stradina di accesso, di proprietà privata.

Nella scorsa settimana l’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, unitamente al direttore del Settore Strade Claudio Laricchia, ha incontrato Vincenzo Lamberti, Direttore Produzione Territoriale Bari di Rete Ferroviaria Italiana, al fine di affrontare e risolvere definitivamente la questione ampliamento. Per realizzare il tanto desiderato ampliamento si utilizzeranno una serie di spazi interni alla recinzione della piccola stazione ferroviaria, di proprietà di Rfi, attualmente in disuso, che di fatto consentirebbero la creazione di numerosi posti auto nel piazzale antistante. L’incontro della scorsa settimana fa seguito a precedenti sopralluoghi, che di fatto hanno verificato la fattibilità dell’operazione. L’aumento dei posti auto consentirebbe ai pendolari di poter usufruire del servizio “Park&Train” senza alcun tipo di disagio e soprattutto senza il timore di multe o rimozioni. Verificata quindi la fattibilità dell’operazione, si dovranno definire in dettaglio gli aspetti del trasferimento della proprietà delle aree in oggetto da RFI al Comune di Bari.

L’operazione a realizzarsi conferma la politica di questa amministrazione in favore della mobilità sostenibile, ovvero fornire ai cittadini valide alternative di trasporto, che di fatto dovrebbero ridurre il flusso veicolare in città. Nell’ambito del progetto, Palazzo di Città sta valutando la possibilità di ottenere dal proprietario del fabbricato (ex Terrafino) ormai ristrutturato, la cessione di una viabilità alternativa. La proprietà si è detta disponibile all’operazione.

I pendolari hanno accolto favorevolmente l’iniziativa del Comune, ma molti sollevano ancora la necessità di sistemare il sottovia pedonale, che unisce il centro di Torre a Mare alla stazione. La struttura necessita di opere di ripristino della pavimentazione, una nuova illuminazione e nuove ringhiere di protezione in ragione della circostanza che il sottovia per un breve tratto percorre il fianco della tangenziale.

Per il momento attendiamo il regolare svolgimento dell’iter burocratico amministrativo, nella speranza che l’ampliamento dell’area a parcheggio non si trasformi nella barzelletta del dragaggio del porticciolo.


[da La Voce del Paese del 2 Aprile]

Torre a Mare. Nuovo progetto stazione intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI