Lunedì 24 Giugno 2019
   
Text Size

La Pende promuove la legalità. Gli alunni vincono il premio di Libera

Noicattaro. Legalità alla Pende front

 

Per onorare la vittoria ottenuta dalla partecipazione al concorso “Marano Ragazzi Spot Festival”, l’Istituto Comprensivo “Gramsci-Pende” di Noicattaro - guidato dal Dirigente Scolastico prof.ssa Rosaria Giannini D’Ursi - ha organizzato, nella mattinata di martedì 22 Marzo, l’evento “Libertà e razzismo” nell’auditorium Falcone-Borsellino. Un momento di festa celebrato con la proiezione sul maxi schermo dello spot vincitore del premio di Libera e momenti di condivisione.

Il “Marano Ragazzi Spot Festival” è ideato dall’Ufficio Scolastico Regionale della Campania nell’ambito delle attività del Settore “Educazione alla Legalità”. Organizzato dal “Consorzio Scuole Città di Marano e dall’associazione “Marano Ragazzi Spot Festival”, l’iniziativa si svolge ad Ottobre di ogni anno, coinvolgendo l’intera città, allo scopo di dare un’identità positiva e partecipativa ai giovani in un territorio umiliato e dominato dalla camorra, dove la scuola è stata chiamata al doveroso compito di insegnare ai futuri adulti che la legalità deve vincere sulla criminalità.

La manifestazione, tenutasi a Marano dal 19 al 23 Ottobre 2015, organizzata in collaborazione con Libera - Associazioni nomi e numeri contro le mafie - con la Fondazione Pubblicità Progresso e Rai Gulp, accoglie da tutto il mondo bambini e ragazzi di ogni età che, con l’utilizzo delle moderne tecnologie della comunicazione, producono spot pubblicitari per promuovere la legalità, la giustizia sociale, la pace, la difesa dell’ambiente, l’amicizia fra i popoli, il dialogo interculturale e interrazziale. Ospitati dalle famiglie individuati dal concorso,

Alessandra Dituri, Luca Colella, Roberta Loschiavone, Rossella Pavone e Thomas Spano sono i cinque alunni delle classi di seconda e terza della sez. A, che con il loro spot sulla legalità “Io mi chiamo G.” hanno comunicato l’importanza di vivere in modo pacifico e legale, mettendo a confronto le vite di due individui, diverse fra loro per lo stile di vita: onesto uno, criminale l’altro. “Vivere come i mafiosi per accumulare ricchezze calpestando la legalità e i diritti, oppure vivere onestamente? Lo spot dimostra che la legalità conviene!”. Questo è il messaggio che accompagna il premio di Libera ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Gramsci-Pende”, i quali hanno realizzato il breve filmato senza l’aiuto del corpo docente ma attrezzati delle loro videocamere e tanta inventiva.

I momenti di condivisione sono proseguiti con la proiezione di foto riguardanti la breve gita a Roma, a Palazzo Montecitorio, svoltasi il 23-24 Febbraio scorso. I rappresentanti di classe in trasferta hanno partecipato, in rigoroso silenzio, ad una seduta parlamentare.

Il momento di festa, però, è stato interrotto dalla lettura di un comunicato Ansa relativo agli attentati terroristici avvenuti a Bruxelles per mano del gruppo islamista Isis. Al termine della lettura, la preside D’Ursi ha ribadito l’importanza di coltivare il senso civico e che il terrore, così come il razzismo e la criminalità, non devono vincere sulla legalità.


[da La Voce del Paese del 2 Aprile]

Noicattaro. Legalità alla Pende intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI