Domenica 25 Agosto 2019
   
Text Size

Torre a Mare è Glamour! Buona partecipazione nel borgo pelosino

Torre a Mare. Evento Glamour front

 

Bari è Glamour per il terzo anno. La città si anima di colori, ed eventi, le vie dello shopping si popolano, le attività commerciali aderenti trasformano le vie del centro in luoghi d’incontro, allegria a tempo di musica ed immagini. Per un giorno i tanti problemi della nostra città possono aspettare. Ed è magico passeggiare per le vie del centro città e confondersi alla folla, tra tavole imbandite, modelle, aperitivi, musica ed allegria.

L’evento, proposto dalla nota rivista, è giunto alla sua terza edizione, grazie alla volontà e all’operato dell’amministrazione comunale, nelle persone dell’assessore allo Sviluppo Economico Carla Palone e del delegato al Marketing Territoriale Vanni Marzulli.

L’evento ha visto la partecipazione di numerose attività commerciali, che da tempo si preparavano a dar sfogo alla creatività, in un’ottica di promozione e sviluppo. Anche alcune attività commerciali di Torre a Mare hanno aderito alla manifestazione, dando vita ad una serie di iniziative che l’intera comunità pelosina ha potuto vivere e condividere. Per l’occasione via Cristoforo Colombo è stata chiusa al traffico e si è trasformata, non senza polemiche da parte di qualcuno, in una strada colorata, addobbata di piante, panchine e tanta gente. Le attività commerciali aderenti hanno organizzato sfilate, balli, e musica a totale dimostrazione del profondo desiderio di promozione e sviluppo che anima questi imprenditori. Via Cristoforo Colombo per una giornata ha assunto le sembianze di un salotto animato dall’intera comunità, grazie all’impegno e agli investimenti dei commercianti aderenti. Musica dal vivo e ballerini di pizzica, hanno riempito la storica via del borgo pelosino.

La partecipazione delle attività commerciali di Torre a Mare palesa un evidente desiderio di partecipazione alla vita della città, ma al tempo stesso un fortissimo desiderio di identità territoriale che da sempre caratterizza il piccolo borgo marinaro. Torre a Mare è Glamour per un giorno, anche se potrebbe e dovrebbe essere sempre così. La strada chiusa al traffico, il passeggio, la musica e la totale assenza di vetture ci ha mostrato una Torre a Mare diversa, molto più vivibile e fruibile.

Tuttavia non sono mancate alcune riflessioni - in alcuni casi condivisibili - da parte di diverse attività commerciali di via Cristoforo Colombo, le quali hanno lamentato la mancata comunicazione dell’evento e della relativa chiusura al traffico. A tal proposito crediamo che sia auspicabile in futuro una maggiore sinergia tra le singole attività commerciali, al fine di creare un fronte comune per incentivare e sviluppare una serie di attività di promozione commerciale e non solo. Una maggiore comunicazione avrebbe reso l’evento ancora più interessante e partecipato. A tal proposito precisiamo inoltre che l’evento Glamour è stato realizzato in forza di adesioni spontanee da parte delle attività commerciali e che l’informativa è stata pubblicata sugli organi di stampa.

Cerchiamo per un attimo di contestualizzare quanto accaduto sabato 2 Aprile, al fine di poter in futuro dar vita ad una rinascita del centro pelosino. Glamour deve essere solo l’inizio di una ritrovata voglia di fare e condividere, lasciando ad altri polemiche sterili ed assurde pretese. Via Cristoforo Colombo deve diventare pedonale, con accesso regolamentato per le esigenze delle numerose attività commerciali; la storica strada deve essere il biglietto da visita per chi arriva nel piccolo borgo, deve essere bella accogliente, arredata e fruibile e soprattutto deve essere libera dalle auto, dal traffico, dalla doppia fila e dalla desolazione che la popola. Perchè Torre a Mare sia sempre Glamour è necessaria una comunione di intenti e tanto coraggio, che purtroppo ad oggi mancano a molti abitanti del nostro amato borgo.


[da La Voce del Paese del 9 Aprile]

Torre a Mare. Evento Glamour intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI