Domenica 22 Settembre 2019
   
Text Size

“Rocco Desimini”: a scuola di legalità con la Guardia di Finanza

Noicattaro. Progetto legalità Finanza front

 

Giornata interattiva per i ragazzi della scuola paritaria “Rocco Desimini”, che giovedì 21 Aprile hanno avuto l’onore e il piacere di incontrare la Guardia di Finanza (Compagnia di Monopoli e Unità Cinofila) per una lezione fuori dal comune.

Nato da un Protocollo d’Intesa stipulato dal Comando Generale della Guardia di Finanza e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il progetto ha l’obiettivo di diffondere nella coscienza di ogni bambino il senso di una giusta economia, far maturare in essi il valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione, all’evasione fiscale e dello spreco di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti.

La giornata è stata ricca di informazioni e si è articolata in diversi momenti fra discussioni di tematiche e dimostrazioni pratiche. Dopo la presentazione e il ringraziamento di suor Paola, i ragazzi di 4^ e 5^ elementare hanno assistito alla proiezione di filmati che, attraverso l’alternanza di scene di animazione e scene tratte da alcune operazioni, hanno fornito ai ragazzi spunti e delucidazioni su questo particolare corpo di Polizia. Finite le proiezioni, ha preso la parola il capitano Pietro Mazzarella il quale, partendo dalla spiegazione del concetto di libertà personale e libertà collettiva, ha poi approfondito le molteplici attività e le diverse diramazioni della Guardia di Finanza: dalla Polizia Giudiziaria e Tributaria, al Reparto Antiterrorismo dei Baschi Verdi. Tracciando linee guida sulla legalità economica, ha messo in guardia i ragazzi sulla contraffazione e le insidie delle droghe.

L’incontro si è fatto poi più interattivo: i ragazzi, infatti, hanno potuto esporre le proprie perplessità, riempiendo la sala con le loro domande. Ciò che più di tutto ha suscitato la curiosità dei ragazzi sono stati i cani del gruppo Cinofilo. Tante sono state le mani svettate in aria per sapere tutti i dettagli sulle modalità d’addestramento. Come sottolineato più volte da un rappresentante del corpo, per gli amici a quattro zampe questa attività non costituisce un vero e proprio lavoro, quanto piuttosto un gioco. L’addestramento dei cani anti-droga si basa tutto sulla naturale attitudine che questi hanno verso l’attività ludica. Ogni animale viene selezionato secondo criteri fisici e comportamentali; nel corso del tempo poi, questi devono superare diverse prove che gli vengono via via sottoposte. Cosa molto importante è, inoltre, la formazione di ogni Unità Cinofila (uomo più cane). L’abbinamento non avviene in modo casuale, ma secondo una precisa combinazione di caratteri. Ogni animale deve trovare una controparte - l’uomo - con cui instaurare una totale armonia.

Le curiosità dei ragazzi hanno avuto piena soddisfazione con la simulazione di due interventi dell’Unità Cinofila. Nel cortile della scuola - dove ha avuto luogo la seconda parte dell’incontro - due pastori tedeschi, Lady e Bagos, hanno dato una dimostrazione pratica della loro abilità nel cercare e trovare sostanze stupefacenti precedentemente nascoste.

Non solo matematica e italiano, quindi. Un’esperienza di indiscusso impatto per compiere un’educazione civica a 360 gradi nei piccoli di oggi che saranno i grandi di domani.


[da La Voce del Paese del 23 Aprile]

Noicattaro. Progetto legalità Finanza intero

Commenti 

 
#2 nojanodok 2016-04-27 20:30
la finanza deve girare il paese e non l'asilo
 
 
#1 Giacomo60 2016-04-27 20:10
La prossima lezione sulla legalità fatela al comune c'è ne sarebbe bisogno !!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI