Lunedì 21 Gennaio 2019
   
Text Size

La Caldarazzo celebra in allegria la “Festa della Mamma”. FOTO

Noicattaro. Festa della Mamma 2016 alla Caldarazzo front

 

Un’occasione per decantare l’importanza della figura materna nello sviluppo infantile, in vista della ricorrenza dell’8 Maggio, e allo stesso tempo salutare festosamente i piccoli alunni ormai avviati all’approdo alla scuola primaria: durante la mattinata di sabato 7 Maggio si è tenuta, al campo sportivo “Maracanà” in via Mola, la “Festa della Mamma” organizzata dalla scuola dell’infanzia “Caldarazzo” di Noicattaro. Circa 115 bambini di cinque anni, che concluderanno a breve la prima tappa del loro percorso scolastico, accompagnati dalle loro mamme e guidati da maestre entusiaste, hanno vissuto una giornata all’aperto all’insegna di giochi di gruppo e attività ricreative, in un clima di curiosità e di gioia.

Si inizia alle 10, tutti radunati nel piazzale antistante i campetti di calcio, con la recita di una poesia elaborata da bambini e maestre, incentrata sull’associazione metaforica fra la relazione mamma-figlio e quella fra aquilone e aquilonista: così come mamma e bambino sono legati da un filo indissolubile, allo stesso modo l’aquilone può volare alto nonostante il cavo che lo lega al suo utilizzatore. E allora, quale modo migliore per dimostrare questo legame se non far volare gli aquiloni? E così il cielo si è variopinto di colori accesi, con l’euforia dei bimbi a far da padrone.

A turno, mentre alcuni gruppi si intrattenevano con gli aquiloni, altri invadevano i campetti da calcio per iniziare le attività ludico-sportive: i giochi di coppia organizzati hanno spaziato dalle “corse con gli ombrelli” alle corse con i piedi legati, fino ad arrivare al tiro alla fune. Un’occasione di puro e sano divertimento per i bambini, che hanno potuto gareggiare in coppia con le mamme, ma poi hanno anche sfidato le loro mamme, sotto gli occhi vigili delle maestre.

Terminati i giochi in programma, poi, i bambini sono stati lasciati liberi di divertirsi giocando a calcio e a nascondino. Un momento di ulteriore condivisione è stato il pranzo, al sacco, consumato all’aperto.

La grande festa si è conclusa nel pomeriggio: esausti ma felici, tutti hanno manifestato soddisfazione per l’esperienza vissuta, sicuramente importante sul piano della socializzazione, sia fra bambini che fra adulti. E poi, non è cosa da tutti i giorni, per un bambino, avere la mamma a completa disposizione. E per una mamma, godersi una giornata giocosamente, tornando bambina per qualche ora.

Una giornata memorabile per i piccoli i quali, dopo i primi tre anni di scolarizzazione costruita dalle eroiche maestre di scuola materna, stanno per prendere il volo verso la scuola dei grandi.


[da La Voce del Paese del 14 Maggio]

Qui alcune foto

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI