Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

Giacomo Lioce: “Perché delle grotte nojane nessuno ne parla?”

Noicattaro. Giacomo Lioce front

 

Il signor Giacomo Lioce, ex Vigile Urbano di Noicattaro, è stato uno dei primi uomini a scendere nelle grotte nojane - delle quale vi abbiamo già parlato un anno e mezzo fa - e per questo, sente l’esigenza di raccontare la sua esperienza riguardo ad un tesoro nascosto di Noicattaro.

Signor Lioce, vuole raccontarci com’è avvenuta la scoperta delle grotte?

Allora, era circa il 1957 o ’58, quando ero ancora in servizio come Vigile Urbano presso il Comune di Noicattaro. Ricordo ancora quel giorno, quando fummo chiamati io e il mio collega Vito Porcelli. Ci dirigemmo sul posto perché il sig. Francesco Cinquepalmi, proprietario di un terreno sulla via vecchia per Mola, con la precisione contrada Vesciola, ci fece chiamare con urgenza poiché, mentre stava effettuando i lavori per la realizzazione di un pozzo artesiano, il suolo crollò, formandosi una voragine. Per questo io e il mio collega corremmo a vedere cosa fosse accaduto.

Che situazione trovaste?

Una volta giunti sul posto, ci rendemmo conto che la profondità della voragine era notevole, e per questo decidemmo di calarci e vedere cosa ci fosse. Ci munimmo di un faro portatile e ci calammo. Arrivati giù, proseguimmo per un bel po’ di metri, ma per paura che facessimo la fine dei topi, preferimmo uscire e aspettare le autorità e gli esperti.

Chi fu chiamato per esaminare il tutto?

Vennero degli speleologi da Castellana Grotte che però, una volta scesi, affiancati da noi, decisero che lì sotto non c’era nulla di importante. E decisero anche di far chiudere tutto, tanto che oggi, probabilmente, lì ci sarà un tendone d’uva o qualcos’altro.

E quindi, lei cosa sostiene?

Io credo, perché ci sono stato, che lì sotto qualcosa c’è. Io non ho fatto solo pochi metri come loro, io ho camminato molto di più, anche se non posso quantificarlo. Sono tornato indietro per timore che potesse accaderci qualcosa, non essendo esperti, però posso dire per certo che le stalattiti e le stalagmiti presenti erano stupende. Poi si sentiva il rumore dell’acqua, forse c’è qualche ruscello sotterraneo, forse no. Fatto sta che bisogna vedere.

Ma quindi la voragine fu subito ripristinata?

No, gli speleologi dissero soltanto che lì sotto non c’era nulla di interessante, ma la voragine per un po’ di tempo rimase aperta, solo che a causa di vandali che scendevano e rovinavano il tutto, fu immediatamente chiusa, e così è rimasta.

Lei sente quasi uno spirito “paterno” verso queste grotte nojane, cosa consiglia?

Si, perché quando scopri qualcosa e tu, con qualcun altro, sei il primo a vederla, a scoprirla nel suo essere, senti in qualche modo qualcosa che ti lega ad essa. E io sono convintissimo che lì sotto c’è qualcosa. Qualcosa che possa essere un nostro tesoro, una fonte di ricchezza per Noicattaro. Qualcosa del quale possiamo un giorno vantarci di avere. Basta semplicemente che qualcuno si occupi di tutto questo, che si prenda carico di vedere cosa realmente c’è. Anche se non dovesse esserci nulla, togliamoci questo dubbio. Vediamo prima di dire no. Capiamo e poi tiriamo le nostre conclusioni.


[da La Voce del Paese dell'11 Giugno]

Commenti 

 
#5 Domenico, 2016-06-15 18:41
Con tutto il rispetto se nn si cambiano i burattini al comune ,boicottato nn crescerà mai!Che tristezza sto paese
 
 
#4 chiara 2016-06-15 09:12
si infatti della storia del tunnel che collega Noicattaro a Conversano non credo sia solo leggenda, vicino all'arco castello c'è una porta rossa che nessuno apre...e poi tutto il castello svevo abbandonato, ho visto che sono in corso dei lavori in una zona della città vecchia spero lo ristrutturino rispettando le caratteristiche originarie...ci sono paesi che basano la loro ricchezza economica su questo tipo di risorsa, perchè noi non possiamo fare qualcosa per recuperare qualcosa di importante visto che gran parte delle nostre origini sono andate distrutte? so che lo stato finanzia anche questo tipo di lavori
 
 
#3 Domenico, 2016-06-14 20:27
E dei sotterranei sotto il castello, nessuno ne parla e dei reperti che una volta scoperti hanno subito coperto! Chissà perché......!
 
 
#2 cose cosi 2016-06-14 18:41
dell'epidemia dei tumori ne parla qualcuno?
 
 
#1 superstufo 2016-06-14 15:43
Noicattaro è famosa x distruggere e affossare le cose.Vedi chiesa antica del soccorso e la masseria nel parco.Chissà perchè questo non mi sorprende!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI