Domenica 18 Agosto 2019
   
Text Size

Festa di Sant’Antonio, la pioggia rovina tutto

Noicattaro. Festa S. Antonio front

 

Lunedì 13 Giugno si è svolta a Noicattaro la tradizionale festa in onore di Sant’Antonio di Padova, venerato nella Chiesa dei Cappuccini, in cui sono state celebrate tre S. Messe. La festa è stata preceduta, come ogni anno, dalla Tredicina e dalle note del canto “Se vuoi aver miracoli”, traduzione italiana del “Si quaeris miracula”, responsorio composto da Giuliano da Spira nel 1233.

Alle ore 18.30, accompagnata dal suono prolungato delle campane, è partita la solenne processione con il bellissimo simulacro del Santo - bisognoso di restauro, in verità - accompagnata dalla banda e dall’Ordine Secolare Francescano, istituito nel 1954 dal cappellano don Peppino Moncelli. Per la prima volta quest’anno c’era don Vito Campanelli, nuovo parroco della Matrice, di cui la chiesa dei Cappuccini è rettoria.

Un esordio segnato della pioggia quello di don Vito. Purtroppo, infatti, all’altezza di via Oberdan la pioggia ha cominciato a scendere, prima piano e poi sempre più intensa, costringendo i portatori a fermarsi per coprire la statua con il cellophane. Superata la Chiesa del Carmine, la pioggia si è tramutata in un violento acquazzone che ha causato il rientro anticipato del corteo in Chiesa.

Ma chi è Antonio di Padova? Al secolo Fernando di Buglione, nasce a Lisbona il 15 Agosto 1195. All’età di 15 anni è novizio nel Monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant’Agostino. Nel 1219, all’età di 24 anni, è ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani, decapitati in Marocco, dove si erano recati per predicare per ordine di San Francesco d’Assisi. Questo episodio spinge Fernando ad entrare nell’Ordine dei Frati Minori e a mutare il nome in Antonio (che dal greco significa: “colui che fa fronte ai suoi avversari”). Inviato ad Assisi, ha modo di ascoltare Francesco anche se non lo conoscerà mai di persona. Sul mandato dello stesso Francesco, comincerà a predicare in Romagna, in Italia Settentrionale e in Francia. Muore il 13 Giugno 1231 a Padova, nel convento di Arcella. Nel 1946 Pio XII l’ha proclamato Dottore della Chiesa.


[da La Voce del Paese del 17 Giugno]

Noicattaro. Festa S. Antonio intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI