Lunedì 21 Gennaio 2019
   
Text Size

Cavallino riceve i riconoscimenti della Camera dei Deputati. FOTO

Noicattaro. Premiazione Roberta Cavallino front

 

Presso la biblioteca comunale e al cospetto di un pubblico accorso numeroso, nel pomeriggio del trascorso 11 Giugno, la neo campionessa italiana di judo, la nojana Roberta Cavallino, ha ricevuto un importante riconoscimento direttamente dall’onorevole Nuccio Altieri, esponente della Commissione Cultura, Scuola e Sport della Camera dei Deputati. Prima dell’atteso momento, il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno incaricato della conduzione dell’evento, Vito Prigigallo, evidenzia come judo significhi tra l’altro divenire creativi, intelligenti, riflessivi, interpretando al meglio l’ideale del dott. Kanō, inventore giapponese di una disciplina poi divenuta universale.

La consegna dei riconoscimenti è introdotta dal lungo e incisivo intervento del già menzionato onorevole Altieri. “Se si supera lo stadio del divertimento - riferisce - lo sport diventa un’attività agonistica o semi-agonistica che richiede prima di tutto sacrificio, dedizione e disciplina”. L’onorevole ricorda come un campione nello sport rappresenti un campione anche nella vita e nella società, i cui valori dovrebbero costituire un esempio. “Un campione non va solo festeggiato perché ha vinto, ma perché rappresenta un modello per gli altri, di disciplina e di pensiero”. Come lo stesso onorevole non manca di rammentare, le storie belle vanno raccontate, vissute e trasferite all’intera comunità. “Come Commissione ci stiamo adoperando per fare dei volumi su storie di successo e di sacrificio - rende noto - specie per ciò che concerne le discipline e gli sport cosiddetti minori, dove l’evento è vissuto con quell’intensità propria che va recuperata”.

Nel sottolineare i meriti dell’allenatore in primis, il giornalista Prigigallo consegna la prima targa all’on. Altieri in rappresentanza della Camera dei Deputati, quindi all’Asd Shihan Noicattaro e, dunque, al maestro Angelo Anelli. Successivamente, prima della consegna della seconda targa-ricordo all’applauditissima Roberta Cavallino, l’on. Altieri le porge una lettera sigillata a firma del Presidente della Commissione Cultura e Sport della Camera, onorevole Flavia Piccoli Nardelli, riportante un encomio collettivo.

A fronte di allenamenti di due ore al giorno, la neo campionessa mostra di avere le idee già chiare (frequentazione del Liceo Scienze Umane dal prossimo anno) e di essere animata da forte determinazione: “Quando sono di fronte all’avversaria non penso a nulla, sono solo concentrata sul combattimento”.

L’augurio di giungere alle Olimpiadi, rivolto a Roberta, è condiviso anche da Donato Anelli, fondatore nojano del judo, oltre che essere enfatizzato da Bernardo Sorino, fondatore della Shihan Noicattaro. Secondo quest’ultimo, la parte più difficile viene adesso e, per continuare sulla strada intrapresa, sarebbe opportuno curare i fattori fisico, tecnico e psicologico.

Nel ricordare infine che anche Francesco Cavallino - gemello di Roberta - ha ugualmente partecipato alla finale nazionale vincendo ben quattro incontri e classificatosi settimo, non possiamo che associarci ai numerosi auguri in favore della vittoriosa sorella. Buona vita campionessa e a successi sempre maggiori!


[da La Voce del Paese del 17 Giugno]

Qui tutte le foto

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI