Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

Da Chicago a Noicattaro. “Mi avete regalato una grande gioia”

Noicattaro. Oronzo Monti front

 

Festa del Carmine: i più attenti avranno visto, tra le Autorità Civili e Militari che hanno preso parte alle varie processioni, un uomo, sulla settantina d’anni, con una strana fascia a tracolla gialla, con su scritto “Vice President”. Un paio di domande a qualcuno a lui vicino e abbiamo scoperto essere Oronzo Monti, vice presidente dell’associazione “Madonna del Carmine di Noicattaro (Ba)” di Chicago, negli Stati Uniti d’America.

Un’associazione che, così come raccontato su queste pagine un paio d’anni fa dal presidente Giovanni Favuzzi e da sua moglie Antonia Gialò, ha lo scopo di metter su, lì a Chicago, la festa in onore della Madonna del Carmine.

Oronzo Monti è nativo di Noicattaro. Qui, all’età di 18 anni, conosce una bella ragazza, Francesca Latrofa, di cui si innamora. Lei, però, dopo essersi fidanzata con Oronzo, deve lasciare l’Italia, per trasferirsi in America. Il 16 Settembre 1971 i due si sposano qui a Noicattaro e, due mesi dopo, si trasferiscono insieme a Chicago. Ma nel 1981 Oronzo e sua moglie tornano a Noicattaro, con due figlie, e restano fino al 1985, e nel frattempo nasce il terzo figlio, un maschietto. “In America si stava molto bene, ma il mio cuore era qui a Noicattaro, dove sono nato”. Qui però le cose non sono andate benissimo, dal punto di vista lavorativo, e così la famiglia decide di tornare definitivamente in America. “Inutile nasconderci, in America si poteva sognare il futuro, qui no. E quando vivi due paesi diversi come Chicago e Noicattaro, noti subito le differenze”. Ad esempio? “Lì da noi se vieni colto da malore, chiami il 911 e in meno di 7 minuti l’ambulanza arriva a casa e ti porta in ospedale. Qui a Noicattaro, o in Italia, difficilmente succede. Oppure, guardate la piazza appena inaugurata, già sporca. In America nessuno può permettersi di buttare una carta o una cicca di sigaretta a terra, pena la multa di 500 dollari. Insomma, lì c’è il rispetto delle regole e, anche per questo motivo, si vive meglio”.

L’associazione “Madonna del Carmine di Noicattaro (Ba)” di Chicago è nata nel 2003, e da allora Oronzo collabora per la buona riuscita della festa. Una festa molto sobria quella americana, dietro la quale ci sono molti sacrifici: “Dopo la Novena, la domenica mattina c’è la Santa Messa. Poi facciamo una breve processione, durante la quale si porta in spalla la statua della Madonna. A seguire ci sono i fuochi d’artificio e la sera tutti i membri dell’associazione vanno a cena in un ristorante”.

Fino al 2006 la processione si faceva con il quadro della Madonna. “Poi nel 2006 abbiamo fatto costruire la statua della Madonna del Carmine, a Lecce, dalle dimensioni identiche a quella originale di Noicattaro e l’abbiamo trasportata in America con l’aereo”. Un’impresa quasi storica, quella compiuta da un gruppo di nojani, spinti dalla fede cristiana e dalla voglia di festeggiare il loro Santo Patrono anche dall’altra parte del mondo.

E così ogni due anni circa, Oronzo torna a Noicattaro con sua moglie Francesca. “Sì, è una cosa che facciamo con entusiasmo, e che continueremo a fare fino a quando la Madonna ci darà la salute. Ma temo che questo sarà l’ultimo anno. L’età avanza”.

Quando abbiamo chiesto un parere sulla nostra festa, Oronzo si è quasi commosso: “Bella, bellissima. Una festa straordinaria! Non ho parole. E per questo ringrazio il presidente del Comitato Festa Patronale, il sindaco e tutta la comunità. Mi avete regalato una grande gioia”.


[da La Voce del Paese del 23 Luglio]

Noicattaro. Oronzo Monti intero 1

Noicattaro. Oronzo Monti intero 2

Commenti 

 
#1 gianni fedele.ferran 2016-07-29 08:17
brutto non poter parlare bene del tuo paese nativo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI