Mercoledì 26 Giugno 2019
   
Text Size

Acqua contaminata a Parchitello. “Nessun allarmismo”

Noicattaro. Vito Buonsante front

 

In merito al riscontrato problema di acqua potabile contaminata in zona Parchitello, La Voce del Paese ha raccolto le dichiarazioni dell’amministratore del Super-Condominio, dott. Vito Buonsante, sebbene il disagio sia di fatto risultato di lievissima entità.

A Parchitello sembra essersi riproposto il problema di due anni fa, ancora una volta legato alla stagione calda.

Due anni addietro l’emergenza si verificò nel mese di Aprile e, all’epoca, risolvemmo la questione con degli interventi interni mirati a eleminare situazioni di commistione tra acqua irrigua e potabile (i cosiddetti by-pass, ndr), realizzati da alcuni condòmini con dei sistemi non a norma per addolcire la salinità dell’acqua irrigua. Le analisi dell’acqua effettuate con cadenza bi-trimestrale, dunque con frequenza superiore a quella prevista dalla normativa in materia di potabilità, da due anni a questa parte non hanno mai riproposto anomalie, come risulta dai verbali a disposizione di tutti i condòmini presenti in portineria. Questa volta invece, nel mese di Luglio, è stata riscontrata una leggerissima carica batterica. Ciononostante, sia per scrupolo personale che del biologo che ha effettuato le analisi, la situazione è stata immediatamente comunicata a tutti i residenti del condominio mediante circolare interna.

È possibile che l’acqua giunga contaminata già a monte di Parchitello?

Al momento non ho elementi sufficienti per poterlo affermare. Il tratto che risulta contaminato parte dal punto di consegna dell’AQP al nostro serbatoio pensile, con una tubazione interrata di circa 2 km puntualmente monitorata per riscontrarne eventuali perdite, senza alcuna possibilità che vi possa essere contaminazione della rete irrigua che corre per vie del tutto separate.

Il sindaco ha dichiarato di volerla incontrare a breve...

Il Sindaco ha confermato di volermi incontrare la settimana prossima. Ho fortemente voluto l’incontro per una serie di motivi che riguardano le zone a mare, poiché, amministrando ben tre condomìni, rappresento oltre 3.000 abitanti. Il carattere di urgenza riguarda soprattutto la situazione rifiuti che, se costituiva un problema già grave prima dell’avvento della nuova amministrazione, adesso si sta accentuando sempre più, anche in relazione alla stagione calda.

Che tipo di interventi andrebbero attualmente previsti?

Occorrerebbe verificare che l’acqua che ci viene fornita sia sempre e in ogni momento potabile e che abbia livelli di clorazione contenuti nei limiti previsti dalla normativa. Bisognerebbe inoltre verificare se l’acquedotto fornisca sempre acqua dalle condotte principali o, piuttosto, proveniente da pozzi artesiani, pare ubicati lungo via Incoronata. Negli ultimi 7-10 giorni, l’Acquedotto ha effettuato degli interventi della durata di almeno un paio d’ore. Ho provveduto a far verbalizzare il tutto dal personale di Vigilanza di Parchitello e comunicare gli episodi alle Forze dell’Ordine, dal momento che, prima che il fenomeno fosse reso pubblico dal sottoscritto mediante comunicazione ai vari organi, gli interventi non venivano effettuati in modo così frequente.

La residenza nel complesso di un consigliere comunale potrebbe contribuire a una più veloce attenzione da parte dell’amministrazione delle problematiche connesse?

Avere un consigliere comunale residente nel complesso, non può che rappresentare un elemento di positività. Tuttavia, sarebbe opportuno che le decisioni riguardanti il complesso siano concordate in modo e nelle sedi ufficiali in modo altrettanto ufficiale, con verbalizzazione di quanto emerso oltre che delle decisioni assunte, al fine di fornire ai residenti un’informazione univoca. Viceversa, da un po’ di tempo si sta canalizzando l’informazione attraverso alcuni social network. In questi casi, se i whatsapper ricevono informazioni parzialmente inesatte, potrebbero avere l’impressione di situazioni più gravi di quelle reali, scatenando mediante passaparola degli allarmismi inutili, col risultato di originare nella popolazione situazioni di panico ingiustificato. Penso ad esempio a quanto accaduto due anni fa, quando si sosteneva che la problematica aveva interessato in modo grave centinaia di condòmini, bisognosi delle cure dei sanitari. Vorrei conoscere il nome di almeno una di queste persone, in quanto a me risulta che talune situazioni fossero legate a problematiche del tutto differenti, quali l’esposizione al sole da parte di alcuni bambini o altro. D’altra parte, una dottoressa pediatra facente parte del consiglio di condominio di Parchitello, dichiarò all’epoca trattarsi di un fenomeno normale, riscontrabile anche nei bambini di Noicattaro, esterni dunque all’area locale. La gente deve essere correttamente informata e allarmata solo quando la situazione lo richiede realmente.

I residenti possono adesso stare tranquilli?

Non posso affermarlo con certezza. Le analisi eseguite una settimana fa ne assicurano la potabilità, ma per poter dare certezza e tranquillità a tutti dovremo attendere il riscontro che ho nuovamente richiesto alla Asl, in particolare alla dott.ssa Carenza del Dipartimento Sian, il cui esito si saprà tra una settimana, dieci giorni. Dovrà essere confermato il ripristino della normalità e, dunque, l’eliminazione di quella leggera carica batterica prima presente, situazione per la quale io stesso ho allertato le autorità sanitarie competenti e gli organi comunali. L’invito rivolto ai residenti è quello di attenersi scrupolosamente alle informazioni ufficiali, puntualmente rilasciate dal sottoscritto in un modo diretto tramite la portineria, raccomandate e in tutti i modi utili.


[da La Voce del Paese del 6 Agosto]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI