Domenica 25 Agosto 2019
   
Text Size

“Gruppo Ciclistico”, da Noicattaro a Roma in bicicletta per il Giubileo

Noicattaro. Gruppo Ciclistico front

 

Ben 500 chilometri per arrivare a Roma, a suon di pedalate. Stiamo parlando della grande avventura intrapresa dai dodici corridori del Gruppo Ciclistico di Noicattaro che, accomunati dalla passione per le due ruote, percorrono da sempre lunghi percorsi sfidando se stessi e i propri limiti. Sono ciclisti con alle spalle tanti anni di esperienza e questa volta, in occasione del Giubileo, hanno scelto la Città Eterna per scrivere un altro capitolo del loro personale romanzo sportivo. Un pellegrinaggio insolito: in bici da Noicattaro fino a Roma per il Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco.

I nojani Franco Lioce, Vincenzo Mastrorocco, Vito Tortelli, Antonio Ardito, Vito Didonna, i molesi Sciannameo Pasquale, Vincenzo Palazzo, Mauro Rana, Annio Leonardo e Nicola Fiore di Palese, sono partiti giovedì 15 Settembre alla volta della Città Eterna e con loro anche due responsabili della logistica, Rocco Pasqualicchio ed Ezio Mirizzi. Con una media di circa 160 chilometri al giorno, hanno impiegato tre giorni per arrivare alle porte di Roma.

“Siamo partiti giovedì mattina alle 9 da Noicattaro e nel pomeriggio abbiamo raggiunto Bovino”, ci ha raccontato con orgoglio Franco Lioce, uno dei dodici corridori dell’avventura romana e responsabile dell’organizzazione della pedalata. Presente ai nastri di partenza il sindaco Raimondo Innamorato, il quale ha augurato ai ciclisti un grande in bocca al lupo per l’avventura. Bovino, dunque, in provincia di Foggia, è stata la prima tappa del viaggio, raggiunta dopo aver battuto circa 170 chilometri con un notevole dislivello. Ma, come si suol dire, la fatica e il sudore premiano sempre. Giunti sul posto, a Bovino, i ciclisti hanno potuto ammirare ed apprezzare uno dei borghi più belli d’Italia: “Abbiamo avuto la possibilità di vedere un posto davvero caratteristico e suggestivo, che vale davvero la pena visitare”.

Carichi più che mai, il secondo giorno i ciclisti hanno percorso altri 180 chilometri. Giornata purtroppo segnata dalla pioggia, che di certo non ha frenato l’entusiasmo del gruppo. Questo è sufficiente per capire che servono preparazione e nervi saldi, ragionamento e intuito, passione e devozione, spirito di gruppo e pure forza. Sì, perché percorrere tanti chilometri, sotto la pioggia tra l’altro, non è una passeggiata. Tra una chiacchera e l’altra, da Bovino si sono diretti verso Benevento, per poi percorrere la Caianello e giungere alle 19 a Cassino. Un tour de force praticamente. Il giorno successivo il gruppo si è diretto da Cassino verso Frosinone per giungere, dopo aver percorso circa 140 chilometri, alle porte di Roma nel pomeriggio.

Tre giorni all’insegna dello sport ma anche della meditazione e riflessione. I ciclisti sono testimoni sì di un’avventura sportiva, ma soprattutto di una testimonianza di fede e di pace. “C’è la volontà di mettersi in gioco, di sfidare se stessi in una nuova avventura ma c’è anche il desiderio di prepararsi al Giubileo della Misericordia in assoluto silenzio, in meditazione, approfittando delle 10 ore di pedalata al giorno”, ha concluso Franco Lioce.


[da La Voce del Paese del 1° Ottobre]

Noicattaro. Gruppo Ciclistico intero1

Noicattaro. Gruppo Ciclistico intero2

Commenti 

 
#1 superstufo 2016-10-07 16:42
Quando il prossimo selfie ?? Qualcuno porta il conteggio ????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI