Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

Strutture, l’amministrazione incontra le associazioni sportive

Noicattaro. Incontro amministrazione front

 

Lo scorso venerdì 7 Ottobre la Biblioteca comunale “G. Di Vittorio” ha ospitato l’incontro tra le associazioni sportive e l’amministrazione comunale. “È un incontro conoscitivo”, ha aperto il sindaco Raimondo Innamorato. “Un incontro che serve per comprendere le vostre problematiche, e risolverle quanto prima. Colgo l’occasione per presentarvi il vostro referente, Marco Dagostino, delegato allo Sport dal sottoscritto, il quale supporterà i due assessori nel loro lavoro”.

Marco Dagostino, 40enne nojano, si è presentato alle associazioni, sottolineando il carattere gratuito del suo incarico. “Sono contento di aver avuto questa ‘rogna’ dal sindaco”, ha scherzato Dagostino, prima di passare all’analisi del territorio: “Abbiamo tante associazioni nel nostro paese, e queste sono una grande risorsa per noi. Siamo fortunati ad avere molte strutture sportive comunali, anche se qualcuna va sistemata. In ogni caso vi assicuro che metterò a disposizione la mia passione e la mia esperienza nel settore”.

Il primo cittadino guarda avanti: “Fermo restando che per noi non ci devono essere differenze tra le associazioni, questa amministrazione al momento sta concedendo le strutture sportive in base alle richieste che arrivano. È una situazione che abbiamo ereditato dal passato, ma che perdurerà ancora per poco. Vi anticipo che stiamo studiando il Regolamento degli Immobili Sportivi per pubblicare, a stretto giro, il bando di gestione degli immobili sportivi più importanti”.

Per quanto riguarda il patrimonio, interviene l’assessore Germana Pignatelli: “Il patrimonio sportivo è diversificato, ma il nostro obiettivo è quello di utilizzare a pieno regime queste strutture”. Parola chiave è la riqualificazione: “Stiamo valutando se ci sono le condizioni per partecipare ad un bando di circa 60 milioni per rimettere in sesto alcune strutture sportive”.

Dopo questo dialogo introduttivo, i presenti hanno potuto esporre le loro problematiche e le loro perplessità. A partire da Antonello Petrosino, vice presidente dell’Asd Basket, il quale ha chiesto di trovare una modalità per ricambiare il favore che molte associazioni fanno al Comune, accogliendo gratuitamente i ragazzi segnalati dai Servizi Sociali.

Quasi spiazzante l’intervento di Cesare Porcelli, del Circolo Tennis: “Da quando abbiamo realizzato i campi da tennis, a spese nostre, su suolo comunale, ci siamo sempre occupati noi delle spese di manutenzione, ordinaria e non. Con l’ultimo intervento abbiamo speso circa 5.000 euro, di tasca nostra, senza nulla chiedere al Comune. Questo per dirvi, come abbiamo fatto con le amministrazioni precedenti, che noi gradiremmo Convenzioni più lunghe nel tempo, in modo da poter investire nella struttura senza chiedere nulla in cambio”.

Di tutt’altro tono la richiesta di Vito Porcelli, membro dell’Asd Running People: “Per fortuna non abbiamo bisogno di un luogo dove allenarci, visto che contrade come il Barone e Paradiso si prestano benissimo alla nostra attività; ma almeno un posticino dove incontrarci sarebbe utile”.

Richieste e buoni propositi nella riunione. Così Marco Dagostino: “Mettiamoci insieme e creiamo eventi, con cognizione. Mi viene in mente la Notte Bianca dello Sport, ad esempio, durante la quale ogni associazione può promuovere la propria disciplina”. Ottima anche l’idea, lanciata da Chiara Berardi della neo-nata associazione Asd Noha Volley & Sport, di riproporre la tradizionale Festa delle Associazioni, che per anni si è svolta in via Carmine e via Console Positano. Propositiva anche la Pignatelli: “Si potrebbe pensare ad un Parco Multifunzionale, come quello di Bari, all’interno del quale promuovere più attività, non solo sportive, quali archeologia, tracking e running. Iniziamo dal mappare i nostri percorsi e renderli fruibili”.

È emerso anche il problema del tensostatico, sito nel parco comunale. I tecnici a breve valuteranno lo stato e la tenuta della struttura che, al momento, non dispone di spogliatoi e servizi igienici ma vanta una serie di problemi all’interno. Valutazione e programmazione saranno i prossimi step per ridare - si spera - vita piena questa struttura.

Antonio Volpe, del gruppo aperto Bikers Solaria, porta il suo contributo dai Borghi: “Parlare di sport nella mia zona sarebbe già una grande cosa. Siamo una periferia di Noicattaro, e chi vuole fare sport non può in quanto gran parte del nostro territorio è stato lottizzato ma ci sono ancora alcuni inadempimenti urbanistici che non rendono la zona fruibile”.

Spazio anche a Enzo Serino, del Baseball Club: “Parliamo di condivisione delle strutture, ma praticamente questo non è accaduto in passato. Tanto che siamo stati costretti a spostarci a Bari per allenarci. Poi, per mancanza di aree, almeno secondo l’amministrazione che vi ha preceduti, abbiamo perso i finanziamenti a nostra disposizione per realizzare uno stadio da baseball. Un treno perso due volte”.

Ultima, e non per importanza, la questione dei 5 defibrillatori, acquistati grazie all’iniziativa “Noicattaro nel Cuore” e donati all’amministrazione comunale. Sarà necessario verificare la loro fruibilità immediata sia all’interno delle scuole che nelle palestre, onde ritrovarsi davanti a spiacevoli episodi.

Questi sono solo i punti salienti della serata, tutti appuntati nell’agenda di lavoro degli assessori. Per quanto riguarda lo sport e le strutture annesse c’è ancora molto da fare. Il tutto potrebbe essere facilitato dalla collaborazione delle associazioni e da una presenza stabile dell’amministrazione.


[da La Voce del Paese del 15 Ottobre]

Commenti 

 
#1 staff tecnico 2016-10-17 15:10
Il primo cittadino guarda avanti e per farlo guarda indietro? : "pubblicare, a stretto giro, il bando di gestione degli immobili sportivi più importanti”. Si copia e incolla e bando deserto ancora una volta. Solo Chiacchiere. Pignatelli: “Stiamo valutando se ci sono le condizioni per partecipare ad un bando di circa 60 milioni per rimettere in sesto alcune strutture sportive”.Ancora chiacchiere. Se ci sono le condizioni? intanto che valutate il bando scade. Pensate prima alle scuole. Quante sono agibili.Hanno fatto i lavori al Palazzetto e le scuole, specie a Parchitell, fanno schifo. Quali sono le Associazioni che ospitano e hanno sempre ospitato i ragazzi su segnalazione dei Servizi Sociali?
Le scuole di ballo e quelle di musica? Direi che sarebbe ora di cominciare a fare i bagagli. Ma se il Palazzetto non era agibile come hanno fatto ad utilizzarlo? C'è qualcosa che non quadra.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI