Sabato 20 Luglio 2019
   
Text Size

“Circondati di Gioia”: la Festa del Ciao dei ragazzi di Azione Cattolica

Noicattaro. Festa del Ciao 2016 front

 

Si è tenuta lo scorso 30 Ottobre la “Festa del Ciao”, momento di animazione che l’Azione Cattolica propone ogni anno per dare inizio al percorso degli associati.

L’evento si è tenuto, per la Chiesa Santa Maria del Carmine e per quella del Soccorso, presso il parco comunale, mentre l’Azione Cattolica della Chiesa Matrice ha celebrato questo momento di festa nel centro storico per poi continuarlo presso il cortile della scuola “Rocco Desimini”.

Tema di questo nuovo anno associativo è il circo, da qui lo slogan “Circondati di Gioia”, da leggere con l’accento che si preferisce.

Dopo la celebrazione eucaristica, dalla Chiesa Santa Maria del Carmine è partito un corteo di oltre 350 bambini e ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 14 anni, con a capo un carro dal tema circense, con tanto di clown, mangiafuoco, strillona, ballerina e con una riesumata Moira Orfei.

Presso il parco comunale sono state allestite diverse aree dove i ragazzi si sono cimentati in una serie di giochi che li hanno catapultati nel mondo del circo, rendendoli per un giorno equilibristi, domatori e giocolieri.

Dopo la condivisione del pranzo, la giornata si è arricchita con un simpatico spettacolo con pappagalli colorati, e momenti di animazione con trucca-bimbi, pop corn e zucchero filato.

“Il tema di quest’anno è quello del circo, che rimanda alla gioia di far festa insieme proprio come nella famiglia circense, e alla gioia di far scoprire a chi ci circonda la bellezza di stare con Gesù”, spiega una delle educatrici della parrocchia Santa Maria del Carmine che, insieme ad altri Giovani, si è impegnata per la riuscita dell’evento, dietro il quale c’è stato un grande lavoro di squadra, tanta voglia di mettersi in gioco e un’enorme dose di creatività.

Anche la Festa del Ciao dell’Azione Cattolica della Chiesa Matrice ha avuto inizio con la partecipazione a Messa dei ragazzi, dopodiché presso le vie del centro storico, adornate di nastri colorati, si è tenuta “la marcia del ciao” a cui sono seguiti giochi che hanno coinvolto grandi e piccoli.

Il pranzo e le attività pomeridiane si sono svolte presso il cortile della scuola “Rocco Desimini” e la giornata si è conclusa con un momento di preghiera, guidato da don Vito Campanelli.

Avevamo bisogno di questa giornata da trascorrere tutti insieme, per la prima volta dopo tanto tempo siamo riusciti a ricostituire i settori di A.C.R. e quindi abbiamo potuto fare la ‘Festa del Ciao’. Per noi questa è stata un’ occasione per metterci alla prova e per fare il rodaggio della nuova equipe di educatori che si è costituita da poco”, ci dice una delle educatrici degli acierrini.

Non poteva esserci un tema più bello ed appropriato di quello del circo, per esprimere al meglio la gioia dello stare insieme. Giovanni Paolo II stesso definiva gli artisti circensi dei veri e propri “artigiani della festa”, autentici dispensatori di gioia, di meraviglia e di stupore: “Fanno nascere il sorriso di un bambino e illuminano per un istante lo sguardo disperato di una persona sola; attraverso lo spettacolo e la festa, rendono gli uomini più vicini gli uni agli altri”.


[da La Voce del Paese del 5 Novembre]

Qui tutte le foto, a cura di Valentina Susca

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI