Venerdì 23 Agosto 2019
   
Text Size

Torre a Mare, la Parrocchia di San Nicola ha il suo defibrillatore

Torre a Mare. Defibrillatore in Chiesa front

 

Domenica 30 Ottobre, alla fine della celebrazione della Santa Messa delle 10.30, don Fabio Carbonara - parroco della parrocchia di San Nicola - ha benedetto il defibrillatore di cui è dotata la Chiesa del borgo pelosino, facendo sì che Torre a Mare detenga il primato per essere la prima Chiesa “cardio-protetta” della diocesi di Bari, completando quello che possiamo definire un percorso in nome della sicurezza iniziato nello scorso Giugno dal Comitato Genitori “Matizz” che, grazie ad una raccolta fondi avvenuta in occasione della festa “La Fiera del Cuore”, ha munito tre scuole del quartiere - la Mameli, l’Aquaro e la R.L. Montalcini - di altrettanti apparecchi per la defibrillazione.

La Chiesa di San Nicola per l’occasione era gremita di gente. Fedeli e non hanno voluto partecipare all’evento dell’installazione del defibrillatore per ringraziare e dimostrare così la gratitudine per quello che appare come un gesto di altruismo ed attenzione verso la comunità. Alla benedizione era presente don Nicola Pascazio, parroco della chiesa di Bitetto, che per l’occasione ha affiancato don Fabio durante la celebrazione della Santa Messa. Tra i presenti anche il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Japigia 2 – Torre a Mare”, dott.ssa Annamaria Lagattolla, alcuni rappresentanti della pubblica amministrazione e tante famiglie.

Il momento della benedizione ed il successivo impianto dell’apparecchio è stato seguito da un operatore di Rai 3, il quale, al termine delle operazioni ha intervistato il parroco.

L’acquisto dell’apparecchio salva vita è stato reso possibile grazie all’incasso realizzato in occasione dell’evento musicale “La serata del Cuore”, tenutosi lo scorso 17 Giugno presso il teatro Petruzzelli, al quale hanno partecipato il cantautore Marco Ligabue, l’attore Renato Ciardo e l’associazione “I Care” Onlus, il cui presidente Andrea Fazio, in accordo con don Fabio, si è occupato delle donazioni.

Il defibrillatore è stato collocato all’interno della Chiesa stessa e, per garantire il suo corretto utilizzo già nel mese di Novembre, verranno organizzati dei corsi ai quali chiunque potrà iscriversi.

Come tutti sappiamo, alle volte bastano pochi minuti per salvare una vita e, in un quartiere sprovvisto di un Pronto Soccorso, essere dotati di un tale apparecchio può essere di fondamentale importanza in termini di tempestività di intervento.

Per questa ragione il parroco già in passato si era mobilitato, organizzando dei corsi di primo soccorso in collaborazione con il presidente dell’associazione “Emergency for Life and Rescue”, Francesco Salvatore, al quale va riconosciuto il merito di aver dotato il nostro quartiere di una ambulanza privata messa a disposizione 24 ore su 24.


[da La Voce del Paese del 5 Novembre]

Torre a Mare. Defibrillatore in Chiesa intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI