Domenica 20 Ottobre 2019
   
Text Size

Anche a Noicattaro nasce l’Associazione Marinai. FOTO

Noicattaro. Benedizione ciarpa Associazione Nazionale Marinai d'Italia front

 

Finalmente anche a Noicattaro è nata l’A.N.M.I., l’Associazione Nazionale Marinai Italiani. Infatti domenica 20 Novembre durante la Santa Messa delle 18.30 presso la Chiesa del Soccorso è stata benedetta la ciarpa. La ciarpa è una sorta di vessillo, una “bandiera” di riconoscimento. La benedizione di quest’ultima era necessaria per rendere ufficiale la nascita di questa nuova associazione nojana. In realtà il Gruppo Marinai di Noicattaro nasceva già 4 anni fa, ma era soltanto una congregazione che faceva capo all’associazione più grande di Bari.

Alla celebrazione hanno preso parte tutti coloro che appartenevano al Gruppo dei Marinai e che ormai fanno parte della nuova associazione, ovvero ex Marinai senza distinzione di grado. Oltre a loro erano presenti anche rappresentanti di altre Forze Armate come quella dei Carabinieri. Erano presenti anche personaggi di un certo rilievo come il Delegato Regionale per la Puglia Settentrionale e Basilicata Gelsomino Laghezza, e l’Ammiraglio di Squadra Michele De Pinto.

Durante la celebrazione della Santa Messa, subito dopo la preghiera dei fedeli, i Marinai presenti hanno recitato la “Preghiera del Marinaio” scritta nel 1901 da Antonio Fogazzaro. In realtà fu il Capitano di Vascello Cesare Agnelli che, colpito dalle parole di questa preghiera, ottenne l’autorizzazione a recitarla in navigazione. Da allora tale consuetudine si diffuse su tutte le navi della flotta, tanto che nel 1909 suddetta preghiera era già comunemente conosciuta come “Preghiera del Marinaio italiano” e ne era stata resa obbligatoria la lettura a bordo, prima dell’ammaina bandiera, a termine delle Messe e nelle Caserme della Marina al termine delle funzioni religiose per marinai deceduti. Attualmente tale preghiera viene letta dall’ufficiale più giovane a bordo.

A seguire don Giovanni Caporusso - parroco della Chiesa del Soccorso - ha benedetto la ciarpa che contraddistinguerà il labaro di Noicattaro e che rappresenterà i Marinai del nostro paese. Infine la ciarpa è stata consegnata e legata al labaro.

Alla fine della celebrazione è intervenuto il Delegato Regionale Laghezza che, dopo alcuni saluti generali, ha rivolto un pensiero particolare a Sante Fasano, il fondatore del Gruppo Marinai nojano, che con impegno e tenacia ha fortemente voluto questa mediazione con il gruppo di Bari, che per l’occasione era rappresentato dall’Ammiraglio Della Valle e dal segretario Trizio.

Una conquista quindi, suggellata con questo atto che, come sottolineato dal Delegato Regionale, deve portare Noicattaro ad unirsi sempre più. “Il senso di appartenenza deve essere qualcosa che unisce e non che porta al rafforzamento delle individualità o all’esclusione”, ha asserito Laghezza. Infine sono stati ricordati alcuni dei grandi Capitani di Vascello, come i nojani Nicola Verni e Giuseppe Porcelli.

Come altre delle associazioni nojane, uno dei problemi primari che questo gruppo si trova ad affrontare è sicuramente la mancanza di una sede. Sono già state fatte le dovute richieste al Comune, ma per il momento la sede ancora non c’è. Uno degli obiettivi dell’A.N.M.I. di Noicattaro è quello di coinvolgere i giovani e di avvicinarli a quelle che posso essere le attività marinare. Quando si entra a far parte di questo mondo non lo si lascia più, non a caso il motto dei Marinai è: “Una volta Marinaio, Marinaio per sempre!”.


[da La Voce del Paese del 26 Novembre]

Qui alcuen foto, a cura di Vito Disciglio

Commenti 

 
#1 Laudadio vincenzo 2017-10-18 21:38
Vorrei tanto far parte di questa bella associazione e poter innalzare il labaro sventolandolo per tutte le legioni d'Italia perché viaggiando il mondo e vedendo tante bellezze ho notato che posti come il nostro non esistono quindi (CREDO NELLE MIE RADICI)....aspetto risposta...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI