Martedì 22 Gennaio 2019
   
Text Size

Gita scolastica (da incubo) a Venezia: 16 studenti ricoverati

Noicattaro. Gita scolastica front

 

Brutta esperienza per un gruppo di studenti dell’Istituto Tecnico per Geometri “Euclide” di Bari, partiti lo scorso 15 Novembre alla volta di Venezia per visitare la Biennale d’Architettura.

Ben sedici studenti baresi, infatti, hanno avvertito dei malori durante il soggiorno veneto. Un virus intestinale o una intossicazione alimentare, secondo i referti medici, potrebbero aver rovinato la vacanza dei 51 studenti - tre classi quarte e una quinta - tra i quali c’erano 2-3 ragazzi di Noicattaro.

I primi due ragazzi hanno accusato vomito, diarrea e febbre alta già nella mattinata di venerdì 18 Novembre, a Venezia, e sono stati accompagnati in hotel per le cure del caso. Nel tardo pomeriggio, poi, nel viaggio di ritorno da Venezia a Bologna - dove avevano la coincidenza per Bari - una dozzina di alunni hanno accusato gli stessi sintomi, tanto da costringere l’intero gruppo a fermarsi nella sala d’attesa della stazione ferroviaria di Bologna, dove una equipe medica li ha visitati. Mentre gli studenti che versavano in buone condizioni hanno proseguito il viaggio di ritorno per Bari, gli altri sono stati ricoverati nei due ospedali del capoluogo emiliano. Lì, sotto stretta osservazione medica, hanno passato la notte, in compagnia di due docenti. Sono stati dimessi il giorno successivo in discrete condizioni di salute e hanno fatto rientro a Bari, in un vagone sterilizzato, per evitare contagi.

Ma non è finita qui. Altri due ragazzi, tra quelli che hanno proseguito per la via del ritorno, sono stati soccorsi a Foggia e all’arrivo in stazione a Bari con i medesimi sintomi gastrointestinali. Gli studenti nojani, invece, hanno accusato il malore i giorni successivi, a casa, ma in maniera leggera.

Le circostanze così sospette ed il numero così elevato di vittime ha fatto riflettere il Dirigente Scolastico - prof.ssa Prudenza Maffei - che, al momento, sembra aver tutta l’intenzione di voler chiarire quanto accaduto. “La scuola si riserva di approfondire eventuali responsabilità delle strutture ospitanti”. Gli studenti hanno infatti soggiornato in un albergo a Mestre, dove facevano anche la colazione, e hanno cenato in un ristorante a Venezia. “L’importante - ha chiuso il Dirigente Scolastico - è che tutto si sia risolto e che le classi abbiano fatto ritorno a casa”.


[da La Voce del Paese del 26 Novembre]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI