Lunedì 16 Dicembre 2019
   
Text Size

Torre a Mare, la scuola “Montalcini” adotta la Torre Pelosa

Torre a Mare. Premiazione scuola front

 

I ragazzi delle scuole di Torre a Mare continuano a collezionare riconoscimenti sia a livello locale che nazionale.

Il giorno 28 Ottobre scorso a Roma, nella sala della Promoteca in Campidoglio, si è svolta la premiazione del concorso nazionale “Adotta un Monumento”.

Il concorso è nato a Napoli nel Dicembre 1992, su iniziativa della Fondazione Napoli Novantanove, d’intesa con il Provveditorato agli Studi e le Soprintendenze: è un progetto di educazione permanente al rispetto e alla tutela del patrimonio storico-artistico e più in generale dell’ambiente. Il progetto si propone quale fine ultimo la consapevolezza del patrimonio storico artistico del nostro paese.

Adottare un monumento non significa solo conoscerne la storia ed il valore, ma soprattutto tutelarlo. Ed è in questa ottica che un anno fa la scuola secondaria di I grado “Rita Levi Montalcini” ha deciso di partecipare al concorso ed adottare la famosa Torre Pelosa del 1500.

I ragazzi di Torre a Mare, guidati dalla prof.ssa Elena Favale - responsabile del progetto - hanno visitato il monumento, ne hanno studiato le caratteristiche ed approfondito l’importanza storica della Torre che, dal 1500, si erge maestosa nel piccolo borgo di pescatori. I giovanissimi “genitori” della Torre Pelosa hanno studiato lo scorso anno il manufatto, da poco restituito alla comunità, dopo i lavori di messa in sicurezza.

In quei giorni la Torre ospitava la mostra fotografico-pittorica “Torre a Mare - Colori e Tradizioni”, allestita dal Comitato Spontaneo di Quartiere, una sorta di tributo di un gruppo di cittadini al piccolo borgo.

Durante la visita i ragazzi hanno potuto osservare dall’interno la Torre, calpestare le antiche basole, affacciarsi dalla vetta e dominare l’orizzonte. I membri del Comitato hanno illustrato ai ragazzi la storia della Torre, le sue vicissitudini, destando interesse e partecipazione.

Durante la mattinata è stato girato il video, realizzato e successivamente montato da Checco De Tullio, che ha ottenuto la medaglia d’argento al concorso. Tre minuti di assoluta meraviglia, i cui fotogrammi mescolavano i sorrisi dei ragazzi e la maestosità della struttura del 1500. Un lavoro che ha ricevuto un riconoscimento nazionale, portando di fatto la piccola Torre a Mare e il suo simbolo nell’atlante dei monumenti più importanti d’Italia.

Inutile nascondere l’orgoglio del Dirigente Scolastico, degli insegnanti e soprattutto degli abitanti del piccolo borgo di pescatori, che da sempre vivono il proprio legame con la Torre in maniera unica.

Il successo del concorso è solo il primo passo verso quella presa di coscienza della nostra storia, della nostra cultura, del nostro passato. Ora che l’antica Torre ha tantissimi genitori, potrà sentirsi ancor più tutelata, valorizzata e raccontata.

Le sinergie tra scuola, Comitato di Quartiere e cittadini ha di fatto permesso il raggiungimento di questo importante traguardo. Una vittoria che profuma di rivincita, non solo dell’antica Torre, ma dell’intera comunità pelosina. Una rivincita la cui importanza riverbera ed infiamma gli sguardi dei piccoli pelosini e non solo.


[da La Voce del Paese del 26 Novembre]

Torre a Mare. Premiazione scuola intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI