Venerdì 22 Marzo 2019
   
Text Size

Campionato Regionale di tiro con l’arco: i grandi passi degli Arcieri

Noicattaro. Trofeo Città di Noicattaro 2017 front

 

Lo scorso 22 Gennaio c’è stato, al Palazzetto dello Sport “S. Pertini” di Noicattaro il Campionato Regionale di tiro con l’arco Olimpico 2017, organizzato dall’associazione Arcieri Carafa di Noja, diretta dal presidente Vito Antelmi, che è anche istruttore di questo sport tanto antico quanto poco conosciuto nel sud Italia. Infatti più che uno sport, il tiro con l’arco è un’arte, forse una tra le più originali inventate dagli uomini: il lavoro peculiare della mano sinistra che spinge e torce l’arco, la freccia che tocca lo zigomo, gli ultimi secondi prima dello sgancio in cui si concentra tutta l’essenza del tiro, la freccia scocca per la volontà dell’arciere grazie al lavoro armonico di mano destra e mano sinistra.

Si inizia sempre per curiosità ma poi la tecnica, il rigore e l’estetica dell’arco portano alla passione, ragione per cui Vito Antelmi ha cercato di far conoscere a Noicattaro questa disciplina, dove, come lui ha precisato, non c’è mai stata una cultura al riguardo, a differenza del nord Italia e del nord Europa.

Alla gara, iniziata alle 9.00 e terminata intorno alle 16.00, si contavano partecipanti provenienti da tutte le province pugliesi: molti più uomini che donne, più adulti, pochi ragazzi. Al perché di una percentuale maggiore di uomini, Antelmi ha fatto riferimento alla nostra cultura, sebbene la storia antica ci insegna che le migliori arciere furono le Amazzoni e la storia presente ci dice che sono più brave le donne, se ricordiamo le Olimpiadi del 2016 a Rio. Riguardo la poca partecipazione dei giovanissimi invece, Antelmi ha affermato che è per la natura molto tecnica dello sport. Solo dopo anni di allenamento assiduo, l’arciere è in grado di sganciare con efficacia e colpire il bersaglio. Non tutti i bambini e gli adolescenti vogliono aspettare tanto per avere risultati. Ed è un peccato in quanto la pratica del tiro con l’arco, più di ogni altro sport, insegna la disciplina, educa che solo con il duro lavoro si raggiunge un obiettivo. Inoltre, i corsi si svolgono nelle ore serali, scomodi per i più piccoli, e mancano spazi idonei o semmai una buona coordinazione degli spazi messi a disposizione dall’amministrazione pubblica, per questo Antelmi è del parere di ripristinare una Consulta dello Sport.

Nonostante questo, non possiamo dire che l’associazione Arcieri Carafa di Noja non abbia soddisfazioni: possiamo vantare che proprio quel giorno, Sebastiano Di Bari, Master maschile Arco Olimpico, ha vinto la medaglia d’argento e sono in programma una serie di appuntamenti: la prossima settimana l’associazione sarà a Terlizzi e nel mese di Febbraio sarà la principale responsabile del 44° Campionato Indoor presso il nuovo Padiglione della Fiera del Levante e, in questa occasione, Vito Antelmi ha chiesto al sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato, non solo uno stand ma anche la sua benvoluta presenza.

A parte il prestigio che una piccola associazione goda dai riconoscimenti del World Archery Federation, constatiamo l’impegno di rendere nota questa antica disciplina. A differenza degli altri sport, il tiro con l’arco ha alla base una sua filosofia: non pone di fronte due contendenti, non insegna una competitività esasperata come oggi vuole la società in cui viviamo, bensì l’arciere, davanti al suo bersaglio, si pone di fronte a se stesso, ai suoi limiti, alle sue potenzialità e in fondo di questo le nuove generazioni avrebbero bisogno, di prendere di mira e arrivare forse a cogliere se stessi.


[da La Voce del Paese del 28 Gennaio]

Noicattaro. Trofeo Città di Noicattaro 2017 intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI