Giovedì 22 Agosto 2019
   
Text Size

San Valentino, presentato il libro di Valeria Petruzzelli

Noicattaro. Presentazione libro Valeria Petruzzelli front

 

È stato presentato dall’associazione culturale “Nojattiva” alle 20.00 del 14 Febbraio scorso, presso la Sala Parnaso del Palazzo della Cultura di Noicattaro il libro d’esordio di Valeria Petruzzelli, vincitrice del premio Garp Under 30, indetto da Caracò Editore di Bologna.

“Il passato è un campo di addestramento, storia di lei” non vuole essere un romanzo d’amore, né un manuale di psicologia su come superare una storia finita male, sebbene parli di una donna tradita dall’uomo che amava. A metà strada tra il genere noir ed erotico, il romanzo indaga sull’altra faccia dell’amore. La protagonista Eve, dopo essere stata tradita e lasciata, tenta di riscattarsi dall’ossessione per James e dal suo dolore attraverso esperienze estreme. Il giorno di San Valentino, dunque, diventa occasione di riflessione sugli aspetti più duri e più oscuri dell’amore.

Sergio Ardito, che fa parte degli organizzatori dell’evento insieme a Carlo Picca, ha introdotto quali saranno le prossime iniziative di Nojattiva, per poi lasciare la parola a Cristiano Marti, direttore di Giazira Scrutture, che ha parlato del romanzo e intervistato la scrittrice.

Il romanzo nasce da una serie di eventi casuali, come ci ha raccontato Valeria Petruzzelli. Nel 2008 crea un blog per poter riversare le sue ansie e paure dopo essere stata lasciata dal proprio ragazzo, e da qui nasce l’idea: una donna armata di pistola che uccide tutti quelli che non tollera. Parte della scrittura nata dal blog entra nel romanzo in forma onirica e il tutto viene narrato oscillando tra il sonno e la veglia. Non è certamente una scrittura, quella di Valeria Petruzzelli, che si rifà ai grandi classici, ma appartiene a quel genere sperimentale, ritmato, con brevi periodi, che scorre veloce ma non per questo diventa banale.

Non ci troviamo di fronte a un nuova versione di Cinquanta Sfumature di Grigio made in Italy, non è la solita storia erotica intrecciata con scene di violenza. Le scene cruenti, quasi giustificate dall’introduzione della psicoanalisi, hanno una verve comica e il sesso ha una sua ragione d’essere: è una via di fuga dall’ossessione. “Una dichiarazione di indipendenza”, come ha detto Valeria Petruzzelli.

Rifacendosi ai libri di Bukowski e ad altri scrittori che hanno raccontato di una sessualità libera e naturale, Valeria Petruzzelli ha ideato Eve, un personaggio che vuole uscire dagli schemi, dai quei cliché che vogliono le donne bamboline da esibire, perfette sotto ogni aspetto, dall’abbigliamento al modo di parlare e sorridere. Eve inizia ad agire e pensare come un uomo: prende in mano la sua vita, in lei prevale l’egocentrismo e il soddisfacimento dei propri bisogni senza tener conto di quelli degli altri. Tutto questo, fatto da una donna, è molto difficile e inaccettabile, se pensiamo a quello che siamo abituati a vedere da un punto di vista culturale. Proprio perché assume i comportamenti di un uomo, Eve intraprende relazioni anche con donne, un po’ perché è delusa dagli uomini e un po’ perché ricerca quella parte affettiva, materna, che solo le donne possono concederle.

Un libro nato per caso, messo su carta a partire dal 2010, lo stesso anno in cui Valeria Petruzzelli si stabilisce definitivamente a Conversano: questo ci fa comprendere come non serve cercare altrove l’ispirazione, così come non serve andare troppo lontano per trovare opere valide.


[da La Voce del Paese del 18 Febbraio]

Noicattaro. Presentazione libro Valeria Petruzzelli intero

Commenti 

 
#2 Psichiatra 2017-02-21 14:07
Ma scusate, quelli di nojattiva non sono gli stessi che non potevano impegnarsi per nojarella a dicembre poichè oberati di impegni?
Semplicemente ridicoli!
 
 
#1 cultura 2017-02-21 12:41
finalmente si torna a fare cultura in modo serio e non solo con feste e festicciole buone solo ad esaltare l'ego di qualcuno. bravo picca.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI