BIMBI OGGI PARLIAMO DI UN WASISTASS

WASISTASS


Premessa: Ho interpellato i consiglieri Mimmo Pignataro e Isa Sportelli, rispettivamente presidente e vicepresidente della commissione, fra l'altro dedicata alla pubblica istruzione, a riguardo del wasistass caduto settimane addietro, cercando di ricostruire l'accaduto e fare il punto odierno della situazione a distanza di giorni dall'accaduto

e venendo in contro anche a tutti i genitori che continuano a contattare la redazione chiedendoci di tenere viva l'attenzione sulla problematica.


<< In commissione c'era una comunicazione informale che ci ha messo a conoscenza che nella scuola elementare Gramsci un wasistass, quello sportello a vetri apribile verso l'interno, che si pone sopra finestre e porte per consentire la ventilazione,(sopra nella foto ), era caduto su di un banco di un alunno, fortunatamente senza conseguenze, e che i genitori  degli alunni avrebbero tenuto da lì a poco un sit in di protesta >> .

Sembra l'inizio di un romanzo fantasy – pulp ed invece sono le parole della consigliere comunale di opposizione Isa Sportelli, la quale mercoledì 10 febbraio è andata al sit in dei genitori, che immediatamente dopo l'accaduto paventavano una situazione di criticità e avevano deciso di fare qualcosa per sollevare a gran voce il problema.

 

<< Abbiamo rischiato di averle, ci hanno identificato come le istituzioni, c'è voluta almeno mezzora per far capire che con la nostra commissione presieduta da Mimmo  ci stavamo adoperando per i loro figli e che ci stavamo mettendo la faccia >>.

Proprio Pignataro, Presidente della Seconda commissione consiliare permanente, competente per sanità, servizi sociali, cultura, pubblica istruzione, sport, politiche giovanili, ecologia

mi dice che:

<< Abbiamo saputo dell’accaduto attraverso un documento redatto da alcuni genitori che informavano dei fatti. Ho portato subito il documento in commissione mettendolo agli atti e chiedendo ufficialmente con lettera scritta al dirigente scolastico di informare la commissione su quello che realmente fosse accaduto >>.

Pignataro c'è una ricostruzione ufficiale dell'accaduto ?

<< No, ci sono due versioni, una dice che il wasistass sia caduto da solo e l’altra che sia caduto a seguito di una manovra incongrua di un collaboratore scolastico, quello che conta e che nessuno si sia fatto male ed in particolar modo i bambini >>.

Ad oggi che provvedimenti ha preso la commissione da Lei presieduta ?

La commissione ha già iniziato a lavorare da giorni, mi permetta di ringraziare tutti i

componenti della stessa che sono stati solerti e disponibili a lavorare senza

distinzioni di appartenenza politica. Giovedì 11 si è tenuta una

riunione di commissione con la partecipazione del Sindaco, dell’assessore, del

Dirigente scolastico e di una rappresentanza di genitori. Primo obiettivo è

stato raggiunto ovvero la messa in sicurezza di tutti gli infissi del plesso, a

giorni arriverà la certificazione di avvenuta messa in sicurezza, inoltre

abbiamo ottenuto che il sindaco desse mandato ad un tecnico di verificare la

staticità dell’immobile stesso. Infine nel prossimo bilancio di previsione e

specificamente nel programma delle opere pubbliche ci sarà un capitolo di spesa

necessario al rifacimento di tutti gli infissi. Nel contempo si provvederà alla

sistemazione dell’impianto termico con un fondo già disponibile.

Sportelli avete constatato altre criticità strutturali?

Sì, non è solo la finestra, la palestra è inagibile, il tetto ingloba acqua,

piove nell'aula magna, in generale c'è una situazione

strutturale che richiede attenzione.

Già come entri nell'istituto percepisci un senso di abbandono.

Pignataro cosa si sente di dire a tutti i genitori allarmati e i loro figli spaventati ?

Che continueremo i controlli per garantire l’incolumità dei loro figli oltre

che di tutti gli operatori scolastici, se solo avessimo come commissione l’

impressione di una piccola percentuale di pericolo che non è possibile

azzerare, saremmo primi a chiedere la chiusura del plesso fino all’

eliminazione del pericolo stesso.

La commissione che presiede farà effettuare un controllo anche di altri edifici pubblici ?

Sì, la commissione sta preparando un verbale col quale chiede l’acquisizione di

tutte le agibilità statiche degli immobili scolastici e pubblici.

Come è possibile che la riqualifica strutturale di una scuola non sia una

priorità ?

Questa domanda deve farla a chi amministra e stila una lista di priorità è

inammissibile che una scuola non rientri nelle priorità di una amministrazione

attenta.

Rincalza Sportelli: << Io non capisco, se ho i soldi a malapena per pagare il mutuo della mia casa, pago il mutuo e basta, certo non prendo le tende firmate, cosa voglio dire ?

Pavimentazione e fioriere dinanzi la Chiesa del Carmine e poi non ci sono i soldi per la ristrutturazione di una scuola pubblica.

Io ho una scala di priorità e non posso rischiare sulla pelle di giovani creature indifese, sono schifata in sei mesi il manuale

cencelli, ovvero il manuale di come detenere e spartirsi il potere, è l'unica cosa che conta, ai diritti dei cittadini

mi creda non gliene frega niente a nessuno >>.