Sabato 25 Gennaio 2020
   
Text Size

Furti di rame in campagna, ci risiamo! Notevoli i disagi

Noicattaro. Trasformatori energia front

 

La tecnica ormai è stata testata, e funziona (anche bene!).

Sono notevoli i disagi che una banda di malviventi sta causando nelle campagne nojane. Negli ultimi 10-15 giorni sono stati molti i casi di furto di rame registrati. E in più zone del paese. Contrada Paradiso, via Incoronata, contrada Masseriola, fino ad arrivare alle Strade Provinciali in uscita da Noicattaro, verso Torre a Mare e verso Triggiano: la gang non fa sconti a nessuno.

L’obiettivo, dicevamo, è il rame. E chi sta infrangendo le regole, pur di procurarselo, sa bene dove mettere le mani. I colpi avvengono principalmente di notte, o la sera dopo le ore 21.00; insomma, quando le strade di campagna - soprattutto in questa fase invernale - sono poco frequentate. I ladri prima si assicurano di far saltare la corrente, per non rimetterci la pelle, e poi abbattono i cavi per arrivare ai trasformatori di energia. Questi, come è noto, contengono un grande quantitativo di rame. E così i malandrini cercano di tirare giù i trasformatori di energia - che sono posizionati ad una altezza non indifferente - in modo da portar via il rame contenuto all’interno.

Il colpo è riuscito più volte. Una notte, però, i ladri sono stati messi in fuga “casualmente” dai Vigilantes del Consorzio di Noicattaro. Casualmente in quanto molti pozzi artesiani sono collegati con la stazione della Vigilanza Campestre, e quando i ladri hanno fatto saltare la corrente, il sistema ha generato un segnale di allarme, così da richiamare l’attenzione delle Guardie. Queste, giunte sul posto, hanno scoperto che il “problema” proveniva dai trasformatori, e non dai pozzi.

In ogni caso gli Agenti hanno subito avvertito i tecnici dell’Enel, i quali hanno ripristinato il tutto nella giornata successiva.


[da La Voce del Paese del 3 Dicembre]

Noicattaro. Trasformatori energia intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI