La “banda degli orecchini” colpisce ancora. Aggredita 82enne

Noicattaro. Scippo orecchini front

 

Questa settimana vogliamo “aprirvi gli occhi” e raccontarvi quello che potrebbe essere un nuovo fenomeno: la “banda degli orecchini”.

Già la scorsa settimana vi abbiamo raccontato di uno scippo avvenuto lo scorso 1° Febbraio in via Cianciaruso, a Noicattaro, in pieno giorno. Un ragazzo, accompagnato da un complice a bordo di una moto, è sceso dal mezzo e ha strappato via gli orecchini ad una signora sui 50 anni. Il giovane, che aveva il volto coperto dal casco, dopo aver preso gli orecchini è salito a bordo della moto, e il complice è subito ripartito.

Un episodio simile si è verificato lo scorso 8 Febbraio, a Torre a Mare. Una signora di 82 anni circa passeggiava in via Mazzini, intorno alle ore 11.00. Stava per fare rientro a casa, dopo aver fatto qualche acquisto al mercato rionale, quando è rimasta vittima della “banda degli orecchini”.

All’improvviso la donna ha notato due individui, a bordo di una moto, i quali si erano fermati più avanti, nei pressi di una abitazione, fingendo di aspettare qualcuno. Non appena la 82enne ha superato lo scooter, i due sono passati all’assalto: uno ha bloccato la donna, l’altro le ha strappato gli orecchini di oro dalle orecchie, causandole delle lesioni.

Le urla dell’anziana signora hanno catturato l’attenzione dei residenti, i quali le hanno prestato le cure del caso e hanno chiamato la Polizia.

“Chiediamo più attenzioni a Torre a Mare”, ha detto un parente della donna. “Ormai non siamo più tranquilli di passeggiare per strada, e una maggiore presenza delle Forze dell’Ordine garantirebbe maggiore sicurezza”.

Ad essere colpiti, ancora una volta, sono gli anziani. Una popolazione indifesa, e ormai impaurita. Oltre alle lesioni, sicuramente guaribili, alla donna è rimasta la paura di uscire di casa da sola. In pratica, le è stata tolta l’autonomia.

 

Ci auguriamo che la “banda degli orecchini” venga bloccata quanto prima, in modo da restituire ai nojani e ai torreamaresi un po’ di serenità.


[da La Voce del Paese dell'11 Febbraio]