Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

INTERVISTA A MICHELE CIAVARELLA DEGLI ARALCO

con_mario_luzzatto_fegiz

Abbiamo deciso di farvi conoscere quelli che sono gli artisti emergenti presenti sul nostro territorio dando seguito anche ad alcuni commenti e richieste pervenute in redazione.

Oggi intervistiamo Michele Ciavarella, cantante degli Aralco, band che qui vediamo in foto con Luzzatto Fegiz, in occasione del “ Premio De Andrè “, dove sono arrivati secondi, premiati anche da Eugenio Finardi e Dori Ghezzi.

D: Chi sono gli Aralco?

R: << Gli Aralco sono un gruppo con un'identità precisa, facciamo pop rock e canzone d'autore.

Ci nutriamo di diverse contaminazioni, dalla classica al progressiv, io poi sono anche appassionato di scrittura, poesia e ho trovato negli Aralco, con il canto e la scrittura dei testi, la giusta misura della mia dimensione personale >>.

D: Se dovessi presentarti in due parole cosa diresti di te ?

R: << Ho fatto un percorso di fuoriuscita da me stesso, forte, e di densa patologica introspezione

attraverso la quale ho compreso che il senso della mia vita stava proprio nell'uscire fuori, nel tirarmi fuori, esprimermi con la voglia di contaminarsi ritrovando la poesia in ogni cosa e al di là delle affermazioni che posso e potrò conseguire ho naturalmente bisogno di cantare e scrivere per essere >>.

D: A proposito di affermazioni cosa ne pensi di X Factor?

R: << Se devo essere sincero, all'inizio avevo un'avversione, poi ho imparato che  bisogna prenderlo per quello che è, ovvero un programma nel quale cercano e vincono dei bravi tecnici che sappiano cantare ed emozionare, certo da qui ad essere artisti ce ne passa, ma è un programma che fa bene alla musica, perché esprime un valore artistico a suo modo che fa appassionare alla musica, anche se attraverso processi certamente di mercato >>.

D: Hai altri progetti all'attivo oltre che con gli Aralco?

R: << Sì, con il Quattordicetto Cetra, dal nome si evince un omaggio e un chiaro riferimento al Quartetto Cetra, ci esibiamo al Teatro Kismet di Bari il 20 settembre, e l'uscita del nostro disco è prevista per  l'inverno >>.

D: Le parole arte e artista che ti fanno pensare?

R: << L'artista oggi, come sempre, è una persona che vive ai margini, se non lo allontana la realtà, si allontana lui da lei per guardarla meglio da lontano e raccontarla, l'arte invece è una particolare sensibilità, forse eccessiva come una malattia che ha bisogno di curarsi con l'espressione, la mia espressione sono il canto e la scrittura. In poche parole l'arte è una vocazione, l'artista la esprime >>.

D: Hai un sogno?

R: << Sì, il mio sogno è semplicemente quello di cantare >>.

D: Prossimi impegno con gli Aralco?

R: << Abbiamo diverse date nei locali in giro per la provincia che si possono conoscere andando su www.myspace.com/aralcomusica >>

D: C'è qualcosa che vorresti dire?

R: << Non potrei dire di più che con le mie canzoni, quindi venite ad ascoltare gli Aralco >>.

 

Commenti 

 
#2 Michele 2009-09-08 18:14
grazie a Carlo per l'ottima fotografia della mia anima :-)
Michele
 
 
#1 Nojana 2009-09-08 17:57
che dire....io michele lo conosco dalle elementari..sei bravo e ti auguro una bella carriera!
con stima e affetto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI