Mercoledì 23 Ottobre 2019
   
Text Size

“Nella sua povertà questa vedova ha dato tutto quello che aveva”

pagina religione

 

XXXII domenica del Tempo Ordinario. Prima Lettura (1Re 17,10-16). È una storia di povertà quella che ci viene trasmessa dalla Prima Lettura di oggi, che ha per protagonisti Elia e una vedova di Sarepta di Sidone. C’è anzitutto una povertà “sociale”, perché le vedove non contavano nulla ed erano costrette a vivere tra mille difficoltà; c’è poi la povertà dovuta alla carestia. In questa situazione, il profeta chiede alla donna un po’ d’acqua e una focaccia e lei - nonostante la ristrettezza economica - non esita a condividere quel poco che ha. Ed ecco il miracolo: l’abbondanza regna nella sua casa. La generosità della vedova è ricompensata dalla Provvidenza divina.

Seconda Lettura (Eb 9,24-28). Anche la Lettera agli Ebrei ci parla della generosità di Cristo, sommo sacerdote, che è entrato nel santuario del cielo non per offrire il sangue degli animali, come avveniva anticamente, ma versando il suo sangue per la nostra salvezza. Può esserci amore più grande di questo?

Vangelo (Mc 12,38-44). Ci sono due scene nel Vangelo di oggi. La prima è affollata di gente, di uomini ricchi, che amano passeggiare, sfilare, mostrare quanto sono prestigiosi, quanto sono potenti e facoltosi. E poi vi è la seconda scena, diametralmente opposta alla prima: seduto davanti al tesoro del Tempio, Gesù osserva come la folla vi getta le monete. E qui già emerge una differenza tra il nostro modo di vedere le cose e quello di Cristo: noi guardiamo la “quantità”, Gesù invece si sofferma sul “come”. I ricchi, infatti, gettano molto denaro. Ma, venuta una povera vedova, vi getta soltanto due monetine. Nessuno si accorge del “peso” che quella piccola offerta ha; nessuno avverte il tintinnio di pochi centesimi che quasi scompaiono dinanzi alle banconote dei ricchi e dei potenti. Nessuno tranne Gesù. Lui se ne accorge! E chiama i suoi per fare una rivelazione sconcertante: quella vedova ha donato più di tutti! Perché? Com’è possibile? Perché i ricchi, i potenti si sono privati del superfluo, mentre quella donna ha dato tutto quello che aveva per vivere. Come la povera vedova, coloro che sorreggono il mondo sono - per Cristo - quelle persone di cui i giornali non parlano, sono quelli che vivono nel nascondimento, nel servizio, nell’onestà. Ecco la Santità: piccoli gesti fatti col cuore, che agli occhi di Dio valgono più dell’oro.

A cura di Piero Dell’Edera

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI