TRAFFICO: MISERIA O NOBILTÀ NELLE CASSE COMUNALI?

segnali



PIANO DEL TRAFFICO:  MISERIA O NOBILTÀ NELLE CASSE COMUNALI?

Combattuta tra un “È un lusso” ed un “è l’unica soluzione”, è stata approvata  in consiglio comunale la redazione del piano viario per Noicàttaro, redazione che  alla fine verrà affidata tramite incarico esterno.

Il Comandante di Polizia Municipale, nonché dirigente, ha infatti richiesto l’affidamento della realizzazione del piano del traffico ad un consulente esterno per una somma pari a 20.000 euro, in linea con quanto previsto dal budget.

Ciò che ha suscitato il dibattito non è stato infatti la decisione di dotarsi, finalmente, di un piano viario più adeguato al paese, ma il fatto che questo possa essere realizzato con un esborso di 20.000 euro. È questo  “il lusso” da un lato, “l’unica soluzione”, dall’altro.

Il lusso in tempi di magra: Il lusso che Noicàttaro non può permettersi, è in sostanza la posizione che la minoranza ha espresso, in particolare attraverso le parole del Consigliere Gerardo Decaro: “ Non è in discussione che  la viabilità sia da rivedere tramite un piano specifico, quanto il fatto che non possa essere fatto da un dirigente interno, senza ulteriore esborso. Il debito che l’amministrazione comunale ha accumulato ed i precedenti  19.000 euro sborsati, sempre ad esterni, per il capitolato TARSU non sono dei presupposti rassicuranti”.

Lo stipendio di un dirigente esterno, per chiarezza si aggira attorno agli 80 mila euro, 83. 704,19 euro all’anno per l’esattezza, nel caso specifico del Dirigente in questione, il Dr. Oscar Rubino.

“Ci sono tutti i presupposti – dichiara ancora il consigliere Decaro - per richiedere una valutazione dell’operato dei dirigenti”.

La necessità: “Non ci sono le disponibilità temporali, logistiche ed umane perché lo faccia il Dirigente di Polizia Municipale” ribatte l’Assessore alla Polizia Municipale Giacomo Latrofa. “Il comando di Polizia Municipale è già oberato ogni giorno – continua – non è fattibile impegnare ulteriormente il comandante ed i vigili, già in numero esiguo rispetto alle necessità del paese. Ciò non significa che il comando di Polizia Municipale non metterà a disposizione le proprie competenze nella misura possibile”. Oltretutto, 20 mila euro sono, in primis, una somma in linea con quanto previsto dalla legge per l’affidamento ad esterni di incarichi, e poi una somma ragionevole per un intervento così importante per la città. Talmente importante, da dover esser fatto in contemporanea al piano del commercio e da dover essere previsto sin d’ora nel bilancio.

Più  straordinari: “Perché dunque non usufruire delle personalità interne al comune con le competenze adeguate?” Arriva di riflesso la controproposta del consigliere di minoranza. Mediante il “progetto obiettivo”, si potrebbe chiedere la collaborazione del personale comunale competente, cui pagare il surplus spettante: si andrebbe di certo a risparmiare, oltre che ad abbreviare i tempi poiché un consulente esterno ha di certo un quadro meno preciso del traffico a Noicàttaro rispetto ad un residente.

Dal canto suo, l’assessore Latrofa non ha dubbi sul “progetto obiettivo”: ovviamente i dipendenti comunali disponibili potranno essere coinvolti, anche perché è impensabile che con soli 20.000 euro si possa affidare di sana pianta la redazione di un piano viario ad una società esterna. L’unica soluzione sarebbe coinvolgere tutte le personalità competenti interne, usufruendo, al contempo, del lavoro di esperti esterni, tra i quali sono stati paventati i  nomi del neo consigliere regionale Antonio Decaro e dell’Architetto nojano Vito Ardito  questo già autore di un progetto viario parziale, e di associazioni o organizzazioni per la realizzazione di forum per l’ascolto delle problematiche viarie in paese.

Ultimo tasto dolente: parcheggi a pagamento. Sono in dirittura d’arrivo nuovamente le strisce blu in alcune zone del paese con una tariffa di 80 centesimi l’ora. Troppo oneroso secondo in consigliere Decaro, nel giusto per l’assessore Latrofa: per i residenti la tariffa sarà dimezzata, sebbene continui ad essere alquanto alta se moltiplicata per più ore nell’arco del giorno, secondo il consigliere del PDL. Inoltre, sarà offerta l’opzione ai residenti di acquistare una sorta di “abbonamento annuo” che gli permetta di avere il posto auto assicurato.

Per completezza, ho provato ad ascoltare l’opinione del diretto interessato, il Dr. Oscar Rubino, ma quest’ultimo ha confermato, nei fatti, la sua indisponibilità: a quanto pare il tempo manca non solo per redigere il piano in questione, ma anche per rilasciare una dichiarazione in merito e, perfino, per potermi personalmente rispondere di non aver tempo per una dichiarazione.