Ufficio Anagrafe, Mimmo Dipinto va in pensione!

Noicattaro. mimmo dipinto front

Quasi 29 anni di servizio presso il nostro Comune, al servizio dei cittadini. Domenico Dipinto, noto a tutti come Mimmo, è andato in pensione. Ha chiuso la sua carriera nel migliore dei modi, all’età di 63 anni, omaggiato da amici e colleghi.

La storia di Mimmo Dipinto inizia negli anni Ottanta. Conseguito il Diploma di Perito Industriale, Mimmo non è diventato subito dipendente comunale. Infatti ha vinto il concorso nelle Ferrovie dello Stato, dove ha preso servizio il 1° Ottobre 1980. Con il passaggio da “Azienda” a “Ente”, fu indetta una procedura di mobilità e Mimmo vinse il concorso, prendendo l’unico posto disponibile nel Comune di Noicattaro, dove prese servizio il 1° Maggio 1990.

Tante le mansioni e i compiti assegnati a Mimmo Dipinto nel corso degli anni. Arrivato come “autista scuolabus”, il giovane nojano ha svolto il ruolo di “messo comunale” prima di passare nell’Ufficio Personale, dove curava l’Ufficio Pensioni. “Non immaginate quante persone ho mandato in pensione io”, ha commentato simpaticamente Mimmo.

Voluto fortemente dal compianto dott. Michele Settanni, all’epoca responsabile dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Noicattaro, Mimmo Dipinto è passato definitivamente in questi uffici, ubicati ancora oggi al piano terra del Palazzo Comunale di via Pietro Nenni. E siamo alla fine del 1999.

Qui ha incontrato Mimì Difino, punto di riferimento poi per la sua carriera. “Un amico, prima che un collega”, ha commentato Mimmo. “È stato un grande maestro per me. Mi ha insegnato il modo di lavorare e il modo di essere sul luogo di lavoro”. Con l’esperienza, Mimmo è diventato Responsabile dell’Ufficio Anagrafe, per poi congedarsi come “Istruttore Amministrativo” di categoria C5.

In paese tutti conoscono Mimmo. Impossibile non rimanere piacevolmente sorpresi dal suo essere sempre sorridente, sul luogo di lavoro e non. Sempre educato, paziente, socievole, e con la battuta sempre pronta. Perché l’ironia è il sale dei rapporti umani.

E soprattutto molto disponibile, molto “alla mano”, come si dice a Noicattaro. Ne è prova l’episodio che Mimmo ricorda: “Ero da qualche anno all’Ufficio Anagrafe, ed una sera, intorno alle ore 22.00, ricevetti una telefonata. Erano due coniugi, sposati quel giorno stesso, disperati. Il giorno dopo dovevano prendere l’aereo per il classico viaggio di nozze, ma si erano accorti in quel momento che uno dei due aveva il documento d’identità scaduto. A quel punto, con il consenso del sindaco, di sera andai in Ufficio e stampai la nuova carta d’identità”. Solo così i due potettero prendere quell’aereo e dare il via al loro viaggio di nozze. “Potevo io negare la mia disponibilità e far saltare un viaggio così importante?”, continua Mimmo Dipinto. “Siamo umani, certe cose non possiamo non comprenderle”.

Ma, in generale, la disponibilità è sempre stata una peculiarità di tutto l’Ufficio Anagrafe. “Mai abbiamo avuto problemi con i cittadini. Anzi, ci hanno spesso elogiato. Perché, secondo il nostro modo di pensare, la Casa Comunale è la casa di tutti, e ognuno, con rispetto, ha diritto ad essere ascoltato ed aiutato”.

E a proposito di sindaci, Mimmo Dipinto ha avuto l’onore di collaborare con tante amministrazioni e tanti sindaci: Francesco Verni, Rita Tagarelli, Angelo Terrafino, Vito Angelo Latrofa, Giovanni Parisi, Vanni Dipierro, Peppino Sozio e Raimondo Innamorato. Perché, si sa, le amministrazioni passano, ma i dipendenti restano!

Instancabile motorino di centrocampo, Mimmo ha avuto le sue soddisfazioni lavorative. A lui va infatti il merito per aver “portato” a Noicattaro - insieme a Francesco Borracci, suo inseparabile amico d’infanzia, nonché collega - la Carta d’Identità Elettronica (C.I.E.) in tempi record: il 16 Ottobre 2017! Uno dei primi Comuni della provincia di Bari ad averla. E grazie al contributo di Mimmo Dipinto, il nostro Comune è stato il sesto in tutta la Puglia ad essere collegato all’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente (A.N.P.R.)., una sorta di database a livello nazionale che permette di superare il modello dell’autocertificazione, accorciando ed automatizzando tutte le procedure relative ai dati anagrafici.

E non solo. Mimmo Dipinto si è occupato di cambi di residenza e di abitazione, autenticazione di firma e di copia, carta d’identità (cartacea prima, elettronica dopo), registrazione di nascite, cancellazione di defunti dall’Anagrafe, aggiornamento dei dati al Centro Nazionale Servizi Demografici (C.N.S.D.) e tanto altro.

“Lavorare all’Ufficio Anagrafe è stato molto stimolante per me”, racconta Mimmo. “Poi, con colleghi come Antonietta Natuzzi, Giovanni Latrofa e Francesco Borracci, tutto diventa più piacevole. Insieme abbiamo fatto squadra, aiutandoci l’un l’altro nei momenti di difficoltà. Un ambiente eccezionale”. Dedizione al lavoro dimostrata dal fatto che, quando è stato necessario, Dipinto ha anche collaborato con l’Ufficio Elettorale e l’Ufficio Stato Civile.

Il 31 Ottobre scorso Mimmo Dipinto ha salutato colleghi e amici, firmando l’ultimo atto prima di andare in pensione: la sua Carta d’Identità Elettronica. “Sì - sorride Mimmo - una cosa simpatica, per conservare sul mio documento l’ultimo giorno di lavoro”.

Dallo scorso 1° Novembre Mimmo la lasciato il posto ad Antonio Demattia: “Sono contento. Antonio è una gran bella persona, umile e disponibile. Ha molta pazienza ed è di Noicattaro, e questo è importante per l’Ufficio Anagrafe”.

Infine, i saluti: “Ringrazio tutte le amministrazioni che si sono succedute in questi bellissimi 28 anni e mezzo di lavoro qui a Noicattaro, in particolare quella guidata da Raimondo Innamorato, che mi ha permesso di concludere questo percorso che mi ha portato alla pensione. Un sentito ringraziamento va a tutti i Segretari Comunali, ai colleghi che si sono succeduti in questo lasso di tempo e a tutte le persone che mi hanno voluto bene”.

Ora Mimmo, ancora giovane e attivo, si dedicherà completamente alla sua famiglia e al volontariato - in particolare Fratres e A.I.D.O. - ambiti che sempre lo hanno appassionato e lo hanno visto in prima linea.

[Da La Voce del Paese del 10 Novembre]

Noicattaro. mimmo dipinto intero