Giovedì 14 Novembre 2019
   
Text Size

R.S.A., a breve nuovi potenziamenti dei servizi offerti

Noicattaro. Rsa front

 

Un contenitore semivuoto, una reggia dello spreco, l’immagine delle mancanze del paese in campo sanitario: questo è stato finora a significare l’R.S.A., la struttura nojana nei pressi della Chiesa dei Cappuccini, annunciata alla sua nascita quale punto di svolta e centro di eccellenza nell’offerta di servizi alla popolazione, rapidamente trasformatosi in tutt’altro.

Per anni si è dibattuto sulle responsabilità della carenza di professionalità all’interno della struttura, del mancato utilizzo di molti spazi e attrezzature, dei problemi nella sicurezza; noi stessi ne abbiamo avuto più volte occasione, raccontando attraverso numerose inchieste ed interviste la situazione a tratti drammatica - ma anche il magnifico lavoro svolto dai professionisti presenti e dal personale - che abbiamo visto evolversi senza mai trovare un punto di equilibrio accettabile.

Più volte abbiamo sottolineato il ruolo che la politica avrebbe dovuto e potuto ricoprire per dare un futuro migliore a tale struttura: certo la Sanità non è materia di competenza diretta del nostro Comune, ma l’impegno nello stimolare chi ha la facoltà di decidere non dovrebbe mai mancare. Un impegno che sembra l’attuale amministrazione abbia preso sul serio, alla luce di un comunicato stampa del Direttore Generale dell’A.S.L. Bari Vito Montanaro, che lo scorso 17 Novembre ha annunciato una serie di migliorie previste per la struttura nojana.

“Rispetto al caso specifico di Noicattaro - si legge nella nota del dott. Montanaro - già durante i mesi estivi si sono svolte conferenze di servizi e sopralluoghi che hanno coinvolto la Direzione Generale della A.S.L. Bari, l’amministrazione comunale di Noicattaro, compreso il Direttore del Distretto Socio-Sanitario ed i rappresentanti dell’Area Tecnica della A.S.L. Bari, finalizzati alla attuazione di interventi da realizzare […] per innalzare il livello di sicurezza”: proprio nelle ultime settimane infatti la struttura era finita più volte al centro dell’attenzione dei media proprio per i problemi legati alla minima protezione offerta a persone e cose.

“Con il sindaco la Direzione Generale è al lavoro in un confronto teso al potenziamento strutturale, organizzativo, strumentale e del personale di tutta la sede”: ed ecco le novità più ricche, con il Direttore Generale che annuncia una serie di iniziative, ovvero “il potenziamento della vigilanza della Guardia Medica, l’implementazione del Centro Vaccinazioni; l’insediamento della Commissione Invalidi Civili, la prossima apertura della R.S.A. (proprio in data 16 Novembre si è tenuta una riunione operativa finalizzata all’avvio della R.S.A. che garantirà anche una assistenza socio-sanitaria dell’intero Bacino Territoriale, ndr), l’attivazione delle procedure per l’assegnazione dirigente medico ginecologo, l’attivazione delle procedure per l’assegnazione dirigente medico cardiologo”.

Novità importanti ed indispensabili per far vivere a pieno la struttura, per farla funzionare a dovere, per le quali il sindaco Raimondo Innamorato ai nostri microfoni rivendica l’importante ruolo dell’amministrazione nell’interfacciarsi con la Direzione Sanitaria fin dal suo insediamento: “Il comunicato fa emergere la nostra costante attività su una questione importantissima, al contrario di quanto emerso negli scorsi mesi quando qualcuno asseriva che questa amministrazione non stesse mediando con l’attività della Direzione Sanitaria: semplicemente noi non abbiamo mai pubblicizzato quanto finora costruito perché attendevamo un atto formale dalla Direzione Generale, che oggi perviene”.

Un percorso, quello dell’amministrazione, effettivamente avviatosi già nel Luglio del 2016, con una serie di contatti e incontri che hanno portato alla formulazione di una “richiesta di potenziamento dei servizi sanitari erogati dalla struttura R.S.A.”, tramite una nota del Novembre 2016 firmata dal sindaco Innamorato e dal vice sindaco Latrofa, a cui la Direzione Generale risponde alla fine dello stesso mese annunciando la volontà di intervenire in tal senso, agendo su vari versanti: nuove attrezzature, nuovi servizi e ripristino della piena agibilità dei locali.

I contatti tra le parti proseguono per tutto l’anno successivo, trovando il loro culmine in una conferenza di servizi nello scorso Febbraio, seguita da un sopralluogo, che lasciano presagire i successivi risvolti positivi, riassunti da una nota della Direzione Generale del 28/07/2017 indirizzata al nostro Comune che fa il punto di quanto realizzato - lo spostamento della Guardia Medica e il posizionamento nella struttura della Commissione Invalidi - e quanto in fase di realizzazione: l’apertura del centro vaccinale, il posizionamento di un’automedica, l’arrivo di un ginecologo e di un cardiologo a tempo pieno, la possibilità di trasferire il coordinamento territoriale del 118 nella struttura nojana, novità di fatto poi riprese in buona parte nel comunicato stampa che le ha rese pubbliche.

“I tanti incontri e le tante note hanno portato a tutto questo, dopo un anno e mezzo di collaborazione con il Direttore Montanaro possiamo finalmente annunciare queste buone notizie”, chiude il sindaco Innamorato, che approfitta per evidenziare il contributo del consigliere regionale Mario Conca: “Fin dal principio ad oggi, grazie alla sua costante disponibilità e alla sua collaborazione, è stato più semplice giungere a questi risultati”.

Noicattaro. Rsa intero

Commenti 

 
#7 Messimale 2017-11-28 07:57
Catone ma questi hanno la bacchetta magica! Non ve ne siete accorti?
:lol:
 
 
#6 ??? 2017-11-24 18:11
per catone il censore
Il grosso problema che hanno i nuovi amministratori è l'arroganza di essere convinti di non aver bisogno di nessuno, per cui si affidano a coloro che li illudono che presto a Noicattaro vedremo miracoli, come già in passato ha sostenuto il sindaco, Invece se avessero avuto il buon senso di ascoltare, forse avrebbero capito di più e poter dire al direttore di non prenderli per i fondelli. Non dirò qui cose di cui sono a conoscenza proprio perchè aspetto i loro miracoli, una cosa è certa che annaspano affidandosi ad un loro consigliere regionale invece di affidarsi umilmente a persone che sicuramente può illuminarli nonostante non hanno nessuna stella.
 
 
#5 Catone il Censore 2017-11-23 18:04
continua....
....su cui l'intera Politica nojana ha manifestato tutta la sua beata incompetenza. E dunque, torniamo indietro alla data 3/3 c.a. per evidenziare la
"fuffa"dei nuovi amministratori 5* che, ancora una volta, esattamente come chi li ha preceduti,su quella struttura continuano a raccontare il NULLA.
Breve excursus di aggiornamento per i non addetti ai lavori: il 3/3 c.a
il sindaco comunica alla popolazione l'avvenuto trasferimento del Servizio di G.M.dai locali del Comune alla struttura Rsa-Ospedale Cappuccini, adducendo motivazioni di carattere istituzionale. Nel successivo C.c. del 13/6, in risposta ad un'interrogazione dell'Opposizione,giustifica tale decisione, addebitabile a responsabilità specifiche delle precedenti amministrazioni, Commissario Prefettizio compreso. E, sulla mancata sicurezza, a suo dire, tutte le responsabilità sarebbero in capo al DG della Asl che non avrebbe fatto approntare per tempo, il Documento Valutazione Rischi. Ma,da Uomo delle Istituzioni super partes, a chi toccava farne richiesta prima del trasferimento? È facile lavarsene le mani,novello Ponzio Pilato,quando affiorano sue specifiche responsabilità nella mala gestio della vicenda,salvo presenziare urbi ed orbi, quando sulla questione si accendono i riflettori di mass media, giornali, Forze politiche Regionali e proteste DELL'intera categoria dei Camici Bianchi. Sottolineo e, con vigore,che, tutti i Servizi in divenire, elencati nel proclama del sindaco e che vedrebbero magicamente la luce grazie all'avveduta amm.ne pentastellata,sono una MERA PROSECUZIONE di accordi fra Comune e Dirigenza Distrettuale, durante la travagliata amm.ne Sozio. Di nuovo, sotto il sole, c'è solo il trasferimento della Commissione Invalidi Civili, non certo per merito del sindaco "Illuminato" quanto semmai perché la nuova Dirigente Distrettuale ha ritenuto igienicamente e umanamente inidonei quelli finora utilizzati nella sede di Mola. Come giustamente evidenziato in un commento precedente, nulla si è fatto per richiedere con forza il rifunzionamento quotidiano del Servizio di Igiene Mentale, ora definitivamente trasferito nella sede distrettuale di Mola, rendendone difficoltoso il raggiungimento ai malati già esposti a situazioni di grave disagio psichico, nonché ai loro familiari.
E dunque?
AMMINISTRARE È CAPACITÀ DI RISOLVERE PROBLEMI, PRIMA CHE DIVENTINO PROBLEMI.
È ORGANIZZAZIONE DELLA SCALA DELLE PRIORITÀ A COMINCIARE DALLE PERSONE.
Finora, di "costruttivo" e di "programmatico" non si è visto un bel nulla a parte le varie manifestazioni canore e fintogastronomiche per promuovere marketing territoriale... :D
Scendete dal palcoscenico, uscite dal reality!
La Politica è ALTRO!
 
 
#4 catone il Censore 2017-11-23 09:24
La telenovela "Ospedale Cappuccini-Rsa si arricchisce di nuovi attori o, sarebbe meglio dire nuove comparse,come se non fossero bastati 30 anni di " Tele di Penelope" tra rifacimenti, inaugurazioni e promesse di servizi vari, puntualmente disattese. Senza voler ricostruire la storia disastrosa di "Un quotidiano disastro",l'Ospedale cappuccini appunto,
 
 
#3 Chiacchiereinliberta 2017-11-23 08:33
Lo spostamento del 118 è un grandissimo risultati :lol:
Ma come sono messi questi?
Si sono persi alcuni servizi presso la RSA e il geometra che gioca a fare il sindaco parla di risultati!
Una grassa risata è d’obbligo
 
 
#2 ??? 2017-11-22 18:18
Le chiacchiere come sempre stanno a zero, il sindaco si è bevuto e continua a bere tutte le fesserie che gli vengono dette. Per i miracoli non si sono ancora attrezzati. Cittadini tenete a mente ciò che è stato scritto e riferito dal sindaco poi staremo a vedere quali servizi e quali cambiamenti annunciati avremo, come scrive lo stesso giornalista è da febbraio scorso, che annunciano questi cambiamenti tra poco sarà passato un anno. Intanto è scomparso il servizio che erogava presidi per i disabili e chi ha bisogno di pannoloni per gli anziani deve migrare, non riferisce nulla della situazione del servizio di igiene mentale. Forse sarà il programma della prossima campagna elettorale del sindaco e delle sue consigliere che si occupano di sanità, tutta questa pubblicità è il solito specchio per le allodole per la campagna elettorale di marzo.
 
 
#1 Basta 2017-11-22 11:57
Noicattaroweb sempre più di parte.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI