Venerdì 25 Maggio 2018
   
Text Size

Banchetto in via Crocecchia per opporsi allo “Ius Soli”

Noicattaro. Antonio Volpe front

 

Sabato 2 Dicembre, “Lega” e “Noi con Salvini” approntano un banchetto per strada - in via Crocecchia, angolo Giardini Matteotti - con la dichiarata finalità di raccogliere firme per opporsi allo “Ius Soli”, quel “Diritto del Suolo” che permetterebbe l’acquisizione della cittadinanza in un dato paese in conseguenza di essere nati su quello stesso territorio, indipendentemente dalla nazionalità dei genitori. La Voce del Paese ha raccolto al riguardo le dichiarazioni del nojano Antonio Volpe, responsabile delle Politiche Economiche “Noi con Salvini” per la provincia di Bari.

Ricordiamo di cosa si tratta…

È questo un banchetto dove noi gridiamo fortemente un No allo “Ius Soli”, proposta di legge creata dalla sinistra e finalizzata a legalizzare gli arrivi dei minori sul territorio, con la possibilità di concedere la cittadinanza a chi non sa nemmeno quale sia la nostra storia, la nostra cultura. Questo a noi non sta assolutamente bene: esistono già delle leggi che consentono ai minori di poter diventare cittadini italiani, ma solo dopo un percorso di formazione, di studio, dove si apprezza il diventare cittadino di una nazione, qualsiasi essa sia, oggi l’Italia, domani un’altra. Non dobbiamo uniformarci a nessuno; queste stesse leggi esistono in Francia e in Germania, ma anche nelle altre nazioni come l’Austria, che sono molto più restrittive rispetto alla nostra. Perché ci dobbiamo adeguare alle nazioni più morbide, senza viceversa seguire l’esempio di nazioni come la Finlandia, la Scandinavia, la Svezia o la Norvegia, dove avere la cittadinanza segue un percorso molto più restrittivo? Perché dobbiamo continuare a teorizzare su delle situazioni che non hanno nessun fondamento strutturato, ma servono solo a creare un bacino di voti?

Ritiene che focalizzare in questo momento l’attenzione sullo “Ius Soli” rappresenti in qualche modo un espediente per sviare l’attenzione da problematiche più importanti?

Lo “Ius Soli” diventa fortemente un tentativo di creare delle situazioni non veritiere, buttando fumo negli occhi della gente per sviarla da quelle che sono poi le problematiche del territorio nazionale. Di sicuro non credo che, in questo momento, un governo in Italia abbia necessità di perdere giorni e giorni a discutere sullo “Ius Soli” per decidere se approvarlo o meno. Per mantenere una certa compattezza di gruppo, tuttavia, le dinamiche del centrosinistra prevedono oggi di far saltare agli onori della cronaca quello che per loro sembra essere l’unico collante. A noi questo non va bene: non possono utilizzare un espediente come una legge, tra l’altro sbagliatissima, solo per mantenere unito il loro gruppo. Non è questa la via che bisogna perseguire. In Italia abbiamo tantissimi altri problemi; lo “Ius Soli” diventa una porta per permettere a tanta gente di arrivare sul nostro territorio e di poter essere inserita nel nostro tessuto sociale, senza conoscere nulla del paese ospitante.

Se lo “Ius Soli” dovesse passare, l’immigrazione potrebbe aumentare in maniera esponenziale?

A oggi, la maggior parte di coloro che all’interno dei flussi migratori approdano sul nostro territorio, sono uomini di maggiore età. Se dovesse passare lo “Ius Soli”, assisteremmo sicuramente a un cambiamento dove vedremmo arrivare in maniera esponenziale tutte quelle persone non arrivate fino ad oggi, vale a dire le donne, una torma di donne incinta, di minori non accompagnati o accompagnati da un fantomatico genitore di cui non riusciremo mai ad ottenere i reali documenti. Questa situazione è già esistente; non oso immaginare cosa potrebbe accadere nel momento in cui dovesse passare una legge farlocca come questa.

I vostri oppositori potrebbero affermare che dietro il rifiuto dell’approvazione della legge in oggetto, si celino in realtà motivazioni a carattere razzistico.

No, in tutto questo di razzismo e di razzistico non c’è assolutamente nulla. Siamo favorevolissimi a un'accoglienza strutturale di coloro che realmente stanno soffrendo le pene dell’inferno, quali guerre nei territori di origine, dove muoiono quotidianamente migliaia e migliaia di uomini, donne e bambini. Siamo favorevolissimi affinché ci possa essere una reale struttura di accoglienza sui territori, senza tuttavia regalare la cittadinanza a nessuno. Il regalo non deve mai esserci: un elemento portante dell’identità nazionale che va a creare la struttura di una nazione, non può essere associato a un qualcosa di così banale come il razzismo. Il razzismo lo viviamo quotidianamente sui campi di calcio dove i tifosi denigrano con urla e schiamazzi il malcapitato di turno; il razzismo lo viviamo nel momento in cui si predispongono politiche che non tutelano gli italiani, non aiutandoli a venir fuori da una situazione di indigenza o di mancanza di lavoro. Quello è per noi razzismo, non il colore della pelle. Ho tantissimi amici di colore e ne sono orgoglioso: si tratta di persone che lavorano con le quali, quando ci incontriamo per bere una birra insieme, lo facciamo senza badare al colore della pelle. Mia moglie è ungherese e mia figlia per metà ungherese: come potrei parlare di razzismo in un territorio che ha necessità della conoscenza del multiculturalismo, ma fatto per bene, in maniera seria?

Ritiene che sulla questione siano finora passate informazioni corrette?

Questo incontro serve oggi a far sì che la gente venga realmente a conoscenza di quali siano gli obiettivi di alcuni partiti politici. Oggi c’è un’informazione veramente molto frammentata, tanto che molta gente crede che la legge in oggetto possa rappresentare una delle tante situazioni per aiutare questa povera gente. No! Non si tratta di un aiuto nei confronti dei più disagiati, ma di un ulteriore situazione di confusione che andrebbe a generarsi sul nostro territorio nazionale.

 

[da La Voce del Paese del 9 Dicembre]

Commenti 

 
#5 Pupazzo 2018-01-16 15:12
Superstufo Salvini ha ragione!
Come definiresti coloro che abbandonano in campagna i rifiuti anziché fare la differenziata?
 
 
#4 superstufo 2018-01-15 20:12
Dopo che la lega nord ne ha detti di tutti i colori della gente del sud c'è chi appoggia Salvini. :-x :oops:
 
 
#3 Mantra 2017-12-15 17:20
La gente non va svegliata, ma lasciata beatamente riposare sulle sue disgrazie.
 
 
#2 VESPA 2017-12-14 23:27
dei rifiuti pericolosi sotterrati non se ne occupa nessuno?
 
 
#1 iusssani 2017-12-14 12:22
ma questa specie di partito, oltre alle questioni ius soli e migranti, ha anche un programma?
*******************
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI