Giovedì 14 Novembre 2019
   
Text Size

Persi i finanziamenti per la Biblioteca: l'intervista a Pignataro

Noicattaro. rocco pignataro front

 

Riportiamo qui di seguito le dichiarazioni del consigliere di opposizione Rocco Pignataro, all’indomani di talune questioni amministrative che hanno dato adito a un nuovo fronte polemico.

Si vocifera che Noicattaro abbia perso i finanziamenti per la Community Library …

Noicattaro non ha ottenuto questi finanziamenti e l’amministrazione non si è degnata di fornire alcuna spiegazione ai cittadini; forse sarebbe stato giusto procedere a un check-up, a un pit-stop e poi ripartire. Sebbene quanto verificatosi poteva accadere a chiunque, tanto al centro-destra quanto al centro-sinistra, la paura di perdere la poltrona sta forse obbligando alcuni consiglieri a restare fermi e a subire talune situazioni. In passato sono già avvenuti episodi simili, dovuti all’incapacità amministrativa di questa giunta (la “famosa” questione PEC). Siamo forse di fronte a un nuovo caso di inadeguatezza amministrativa? Nel bando della regione Puglia, nell’avviso pubblico per la Community Library, la Biblioteca di Comunità, sussisteva la possibilità di intercettare dei fondi per rilanciare la cultura sul territorio. Tuttavia, a graduatorie pubblicate, Noicattaro è stata ascritta tra i Comuni la cui domanda è risultata inammissibile. Viceversa, altri comuni sono stati beneficiati dai fondi, altri ancora sono in lista d’attesa nella speranza di poter accedere al finanziamento in oggetto. Ricordiamo i finanziamenti persi per la pulizia delle strade periferiche; ricordiamo i finanziamenti persi per l’adeguamento delle giostrine alle esigenze dei disabili. Questa volta il finanziamento perso riguarda la cultura, dove la Regione intendeva finanziare gli interventi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale. Noicattaro fuori! I comuni che viceversa hanno beneficiato del finanziamento (Modugno, Rutigliano, Monopoli, Acquaviva, Adelfia, Molfetta, Gravina) pari a due milioni di euro per la biblioteca, possono dirsi comuni fortunati in quanto disponenti di politici capaci di ben amministrare. Insomma, per l’ennesima volta, solo Noicattaro è stata esclusa. Il Sindaco deve capire che amministrare un paese non è solo fare selfie o travestirsi da babbo natale, ma rappresenta qualcosa di più complesso. Bisogna intercettare i soldi che ci sono per migliorare la qualità di vita dei cittadini che hanno votato questa amministrazione.

Chi, all’interno dell’amministrazione, dovrebbe occuparsi della redazione dei bandi?

Le due figure preposte sono l'assessore Pignatelli e l'assessore Santamaria; in più è presente il delegato alla cultura, consigliere Giacomo Innamorato. Da questi amministratori aspettiamo una risposta che faccia chiarezza. Faccio inoltre notare che la domanda in questione è stata presentata esattamente alle 21 dell'ultimo giorno utile, giorno che era già di proroga in quanto la scadenza era il 10 ottobre, poi prorogata appunto al 10 novembre. Forse i nostri amministratori non sono stati capaci di fare esperienza di quanto già successo relativamente al finanziamento per l’adeguamento delle giostrine dedicate ai bambini disabili. Qualora ci siano stati nuovi problemi di natura informatica – o di altra natura –  il Sindaco e i suoi amministratori hanno l’obbligo di ammettere la loro negligenza. O, in caso diverso, devono comunque dare conto al Paese. Qualora la loro risposta sia inadeguata e ne risulti una manifesta incapacità, sarebbe giusto secondo me chiedere le dimissioni immediate dei predetti assessori. Mi rivolgo poi al gruppo consiliare dei 5 Stelle: parlate di onestà, ma ricordate cari amici che l’onestà senza capacità diventa “disonestà” verso chi vi ha affidato la gestione del paese. Mi rammarica osservare una certa sudditanza dei consiglieri pentastellati nei confronti del Sindaco; mi rammarica perché loro rimarranno silenti al loro posto senza manifestare apertamente il dissenso e la vergogna che provano per questa dimostrata incapacità.

A proposito di cultura, ricordiamo la questione teatro cittadino …

Non si capisce bene cosa stia accadendo, poiché il tutto è tutto avvolto da una cortina fumogena. Anche in questo caso, nessun chiarimento dai nostri amministratori. Vige il più completo silenzio. In aggiunta a quanto trapela, vorrei anche ricordare l’assenza di un comitato di gestione nella biblioteca comunale. Cosa sta accadendo? Temono di perdere il controllo? La cultura non si controlla, ma si offre alla cittadinanza.

Dando per scontato che nessuno si dimetterà, è adesso prevedibile l’esacerbarsi del braccio di ferro tra maggioranza e opposizioni?

Il braccio di forza c'è sempre stato perché lo hanno voluto. Per quanto mi riguarda, non ho chiesto poltrone, non ho chiesto visibilità: mi hanno offerto la presidenza in una commissione dove ho svolto un lavoro, credo discreto e in maniera imparziale, che tra l'altro non mi è stato neanche riconosciuto pubblicamente. Gli esponenti pentastellati di Noicattaro vivono arroccati, chiusi in una torre d’avorio: gli altri non sono avversari, ma rappresentano nemici a cui non bisogna concedere spazio. Non dico che ci dovrebbe essere disponibilità a collaborare, ma non trascurino almeno l’esperienza amministrativa dei consiglieri di opposizione a beneficio dell’intera comunità.

Qualcosa da aggiungere?

Vedo l’opinione pubblica silente, cloroformizzata; sembra ai più, forse, che la Cultura non sia un bene immediatamente produttivo di denaro, SUV o borsette di Chanel, ma resta il fatto che la Cultura è un petrolio. Senza di essa non c’è civiltà, non c’è progresso. Se fatta fruttare, la cultura costituisce il motore di una società. L’appello che lancio ai cittadini è quello di stare vicino all’opposizione, la quale sta svolgendo il proprio lavoro. I consiglieri pentastellati devono drizzare la schiena e occuparsi del bene pubblico, poiché il paese non merita di essere lasciato in questo stato.

 

[da La Voce del Paese del 3 Febbraio]

Noicattaro. rocco pignataro intero

Commenti 

 
#7 mah 2018-02-10 15:22
Per Frenk
e per voi è serio fare poltica nella vostra maniera arrogante senza sentire il bisogno di confrontarsi con le opposizioni per il bene della comunità? Il sindaco fa promesse di miracoli per la ASL, ora fa interviste per la scuola superiore, intanto perde finanziamenti, eppure continuano a dire che studiano occupando, ma evidentemente siete così scarsi di comprendonio che nonostante studiate da due anni siamo ancora alle pezze. Vi esaltate per lavori che vengono eseguiti di normale amministrazione finora non abbiamo visto niente di straordinario. Il teatro è abbandonato nonostante i fondi, il piano sicurezza scuola dovete ringraziare il governo, perchè di vostro non avete partorito ancora niente. Per finire che fine ha fatto l'assegnone, avete raccolto pareri, quali sono stati i risultati? sono scomparsi come i soldi degli onorevoli?
 
 
#6 Frank 2018-02-10 07:05
Lei riporta tutte informazioni prese da voci di paese e senza nulla di più di approfondito a dimostrazione che non frequenta il palazzo di città e tantomeno, come ha dichiarato lei, le commissioni. Mi chiedo: è serio fare politica, anche se di opposizione, in questo modo? È Bravo solo a fare video denunce che non servono a nulla!
 
 
#5 Alfredo 2018-02-07 15:30
Dopo aver brindato con i tuoi amici alla vittoria del M5S, non puoi fare altro che sparire dallo scenario politico locale e non. La politica seria non ha bisogno di gente come te.
 
 
#4 Fumo di Londra 2018-02-06 17:09
Consigliere Pignataro,
perche' spreca il suo tempo a tentare di spiegare l'importanza della Cultura a gente che la propria cultura l'ha costruita sui social? Le "sudate carte" sono appannaggio di altre epoche storiche e di altri e alti percorsi scolastici. La cultura, quella vera, permette il confronto civile e democratico con l'avversario politico che non viene demonizzato o, peggio sbeffeggiato,come pare sia diventato di prassi con questa pseudogiovane amm.ne grillina evidentemente tesa a ben altri obiettivi. L'IMPORTANTE DELEGA ALLA CULTURA AFFIDATA A QUEL CONSIGLIERE......FA BEN RIFLETTERE......
 
 
#3 prossimosindaco 2018-02-06 12:40
Scusate: Se la cultura è basata su quello che è stato fatto, e quello che è stato fatto è stato sempre sbagliato, a cosa serve?

Un consiglio (non comunale):

Lasciate perdere le giostrine per disabili, le biblioteche e strutture che sono solo uno spreco di denaro che nessuno utilizza (un disabile non potrebbe utiolizzare una giostra come un diversamente acculturato non potrebbe utilizzare una biblioteca, ma entrambi potrebbero utilizzare un autobus, un bagno, una piazza, una panchina, una strada senza buche),ci vogliono strutture in questo paese, questa è la linea politica da seguire.
 
 
#2 trash 2018-02-05 19:20
esiste un delegato alla cultura?? lol
 
 
#1 Exdestroide 2018-02-05 08:42
Grande politico pignataro. Tutti i tuoi interventi sono da dieci e lode. Si nota dalle tue interviste che ami noicattaro e tutti i noiani. Lo dimostra la tua coerenza politica nel richiedere consensi a tutti i livelli sempre dalla stessa parte politica. Non importa se sinistra o destra. Peccato per i noiani non aver capito il tuo spessore politico. Qualcuno addirittura dice che ti sei candidato a sindaco solo per fare il consigliere comunale. Qualcuno attribuisce a te e derivat il fallimento del centrodestra a noicattaro a guida dei soliti prepotenti politici che occupano un ruolo il ruolo di capi solo perché attribuitogli da Bari. Sembra addirittura che sei antipatico non solo ai vari noiani ma anche a tutto il centrodestra. Qualcuno ti ha considerato il traditore del cdx è infiltrato nel cdx. Peccato che nessuno ti ha capito. Continua così e vedrai e vedrai che prima o poi i risultati danno sempre ragione a qualcuno. Il tempo è sempre galantuomo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI