Martedì 19 Novembre 2019
   
Text Size

Consiglio Comunale, approvato il programma opere pubbliche

Noicattaro. consiglio comunale  front

Mercoledì 28 marzo si è svolto il secondo consiglio comunale dell’anno 2018. Al completo la maggioranza mentre, per quanto concerne l’opposizione, si segnalano le assenze dei consiglieri Santamaria e Porrelli. Tredici punti all’ODG ed un C.c. di poco meno di cinque ore.

Non semplice da gestire soprattutto in ottica dell’ultima assemblea che, ricordiamo, aveva visto l’espulsione dall’aula del consigliere Tortelli ed il successivo abbandono dei banchi da parte degli altri consiglieri di minoranza. Conclusa la fase del dibattito preliminare, il consiglio si è aperto con l’interrogazione sottoscritta dall’opposizione in merito alla richiesta se il conferimento di incarico alla società Esper si trattasse di “atto gestionale di controllo amministrativo politico”.

La risposta è stata data dal vice sindaco Latrofa il quale ha precisato che in virtù della nuova procedura di gara di appalto per i servizi di igiene urbana che il comune è prossimo ad indire, la giunta comunale ha espresso il proprio indirizzo in merito ad una società specializzata per consulenza e redazione del piano industriale e successivamente per attività di supporto e di collaborazione al RUP. Il vice sindaco ha ribadito come questo indirizzo sia stato espresso nell’ambito della propria competenza poichè la delibera munita del parere non costituisce atto gestionale in quanto priva di impegno di spesa e valore negoziale in grado di consolidare il rapporto con la società. La conferma è arrivata anche dal Segretario Generale Leopizzi il quale ha precisato che senza un impegno di spesa e la sottoscrizione di convenzione, l’atto di indirizzo risulterebbe monco e senza i quali l’atto di incarico non può considerarsi validamente conferito.

Successivamente si è passati all’approvazione della I.U.C., l’Imposta Unica Comunale, comprendente IMU, T.A.S.I. e T.A.R.I. cui si aggiunge l’addizionale I.R.P.E.F.. La situazione per l’anno in corso, per quel che concerne I.M.U. e T.A.S.I., rimarrà di fatto invariata rispetto al 2017 al fine di far fronte alla riduzione dei trasferimenti statali e al fine di consentire gli obiettivi di bilancio garantendo la corretta gestione e mantenimento dei servizi del comune. In particolare, l’aliquota I.M.U. è fissata al 4X1000 per abitazione principale di categoria A/1-A/8-A/9 e relative pertinenze, al 10,6x1000 per terreni agricoli (ad eccezione quelli posseduti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli professionali di cui all’art. 1 D.Lgs. n. 99/04), al 10,6x1000 per immobili di cat. D (capannoni), al 10,6x1000 per aree fabbricabili e al 9,4x1000 per tutti gli altri fabbricati.

Per quanto concerne la T.A.S.I., imposta finalizzata a finanziare i servizi c.d. “indivisibili” (anagrafe e stato civile, polizia locale, servizi di scuola materna elementare e media, servizi correlati a viabilità e pubblica illuminazione, servizi per l’ambiente), l’aliquota è fissata al 2x1000 per abitazione principale di categoria A/1-A/8-A/9 e relative pertinenze, 1x1000 per fabbricati rurali strumentali, 1,2x1000 per fabbricati costruiti e destinati da impresa costruttrice a vendita non ancora locati e per tutti gli altri fabbricati. Esentati gli immobili di cat. D e le aree fabbricabili.

La novità è presente nella determinazione delle tariffe T.A.R.I. poiché, oltre ad una riduzione del 3,23% della tariffa, nel piano economico finanziario sono state previste a carico del bilancio comunale esenzioni ed agevolazioni di pagamento per un totale di 50mila euro di detrazioni a favore di soggetti in condizioni di indigenza. Concretamente: per ISEE da 0 a 1000 euro il comune ha previsto l’esenzione totale; per fasce di reddito dai 1000 a 3000 euro la riduzione della T.A.R.I. è fissata al 50%; per i nuclei familiari con disabile con invalidità al 100% con ISEE fino a 12mila euro la T.A.R.I. è ridotta al 20%. Invariata l’addizionale I.R.P.E.F., ancora una volta fissata allo 0,8%.

Discusso ed approvato anche il piano triennale delle opere pubbliche 2018-2020 ed il successivo bilancio di previsione. Per il 2018 sono stati previsti: 100mila euro per l’estensione rete gas tra via Madonna di Lourdes e Poggio delle Ginestre; la realizzazione di una nuova strada di collegamento da via Madonna di Lourdes a Poggio delle Ginestre “a guisa – ha precisato l’ass. Santamaria – che non si faccia prima la strada e poi la rete gas, possibilmente concertando coi lavori pubblici e gli enti”; l’efficientamento energetico scuola Gramsci per un valore di 925mila euro; l’efficientamento energetico della scuola Pende per 736mila euro; interventi per la scuola materna Sabin la quale è stata candidata ad un bando da circa 1 milione e mezzo di euro per la riqualificazione sismica ed energetica di una struttura sensibile come quella in oggetto dove vivono centinaia di bambini ogni giorno.

A seguire, per il 2019: intervento di collegamento ex passante ferroviario; intervento in via Terracini per una delle 10 opere previste dal contratto di quartiere di cui fu vincitrice la città nel 2007 (campetti tennis, calcetto) per un valore di 300mila euro; 400mila euro per la realizzazione di una palestra polifunzionale presso la scuola di Parchitello. Infine, per l’anno 2020: realizzazione di un canile sanitario per 150mila euro; riqualificazione dello stadio per 400milla euro; allargamento via Calcare primo stralcio (dal ponte FSE fino a zona PIP) per 250mila euro.

Il C.c. ha quindi approvato la modifica ai termini di versamento della TOSAP (Tassa Occupazione di Spazi e Aree Pubbliche) e dell’ICP (Imposta Comunale sulla Pubblicità) per l’anno 2018 passando da una tassa annuale ad una tassa giornaliera che, sulla base dei calcoli, dovrebbe far risparmiare gli interessati.

Infine, il consiglio ha votato per l’istituzione legale della Fiera Madonna del Carmine e seguente individuazione delle categorie merceologiche di vendita. Bisogna fare una veloce precisazione a tal riguardo: la Fiera, come molti lettori probabilmente osserveranno, fa parte da tempo della tradizione di Noicattaro. Tuttavia, non è mai esistito un atto ufficiale che istituisse la vendita ed il commercio su aree pubbliche in occasione della suddetta. Di fatto, gli avvisi pubblici che permettevano agli ambulanti di poter presenziare a questo evento erano emanati senza che alcun atto fosse deliberativo in merito all’avviso. Con questo atto ufficiale il comune avrà le “carte in regola” per consentire la vendita in area pubblica. L’atto, inoltre, prevede le categorie merceologiche di vendita durante la Fiera: a tal proposito si è scelto di optare per il divieto di vendita di animali. “Riteniamo che questo debba essere un gesto dovuto ad una società che si pone come obiettivo lo sviluppo e la crescita culturale. Molti acquistavano animali senza avere coscienza di cosa significasse adottare un animale” ha detto il sindaco.

In merito all’ultimo punto dell’odg, la “Discussione mozione di sfiducia del Vice Presidente del Consiglio Comunale in carica (Michele Tortelli ndr.)” la maggioranza ha deciso di mantenere il riservo di presentare la mozione durante il prossimo consiglio.

[da La Voce del Paese del 31 Marzo]

Noicattaro. consiglio comunale intero

Commenti 

 
#5 Donald 2018-04-06 09:38
Cosa c'è di culturale in una fiera e in un luna park?
 
 
#4 lol 2018-04-05 20:33
la crescita culturale è mettere il divieto? lol
 
 
#3 vendita animali 2018-04-05 12:47
scusate, nell'ordinamento giuridico italiano la vendita di animali è ammessa? Se si, questa delibera non è in contrasto e quindi nulla?
Si può fare una delibera per imporre ad altri la propria morale o i proprio buon sentimento?
 
 
#2 numeriinliberta 2018-04-04 20:47
Faranno anche il punte da Noicattaro a Bari, prima che si faccia il ponte sullo stretto di messina
 
 
#1 Donald 2018-04-04 09:27
Con l'istituzione della Fiera è stata pure individuata un'area idonea o si continuerà a bloccare mezzo paese, a congestionare il paese per 10 giorni, a rendere un inferno la vita di chi vive sulle strade bloccate e soprattutto su quelle dove si riversa tutto il traffico impazzito.
A quando un pò di civiltà e rispetto per le persone da queste parti?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI