Pubblicato il bando sulla Video-Sorveglianza

Noicattaro. telecamera front

Sul sito istituzionale del comune di Noicattaro, lo scorso 24 Aprile è stato pubblicato il bando di gara circa il sistema di videosorveglianza urbana; progetto validato in data 28/07/2017. Per la realizzazione degli interventi di cui sopra è previsto un importo dei lavori pari a € 235.000,00, di cui € 230.000,00 per lavori a base d’asta (al netto degli oneri speciali della sicurezza) ed € 5.000,00 per oneri speciali della sicurezza. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa.

L’intervento in oggetto consiste nelle seguenti opere: realizzazione di siti di ripresa secondo le esigenze segnalate dall’amministrazione comunale; realizzazione di un nuovo sistema di connettività mediante rete wireless e tratti in fibra ottica; realizzazione di un video server ed installazione di postazioni client di visualizzazione. Le funzioni legate direttamente alla sicurezza si possono elencare nei seguenti punti: Dissuasione dal compimento di atti vietati (violazione del Codice Civile) oppure criminosi; (violazione del Codice Penale) mediante l’effetto deterrente determinato dalla presenza di telecamere (prevenzione dell’evento); videocontrollo diretto delle aree critiche; tale funzione permette ad uno o più addetti alla sorveglianza di valutare costantemente la situazione per individuare eventi anomali e ridurre i tempi di intervento delle forze dell’ordine o dei vigili; videoregistrazione di eventi anomali o atti criminosi. Il sistema assolve questa funzione comandando la registrazione in tempo reale di tutti gli eventi.

Il sistema di videosorveglianza consente dunque di controllare un ambiente o un’area da remoto mediante l'utilizzo di telecamere fisse oppure del tipo Dome da installare su pali e/o a muro. La telecamera raccoglie immagini che verranno trasferite a un NVR e ad un monitor dove saranno a disposizione per essere osservate, riviste e immagazzinate. Tramite il sistema di videosorveglianza si ha la possibilità di visualizzare immagini live (in tempo reale) oppure registrate al fine di monitorare ambienti o aree e poter individuare situazioni di pericolo, organizzando, opportunamente l’intervento di istituti di vigilanza.

Ricordiamo che la videosorveglianza delle aree è stata affrontata cercando di perseguire specifici intenti, quali: controllare ove possibile l’aggregazione di masse ed individuare eventualmente volti e dettagli che possano ricondurre ad infrazioni ed illeciti; controllare in realtime tutto ciò che accade mediante una panoramica istantanea ed immediata delle aree videosorvegliate; avere disponibilità di video ad alta definizione per la ricostruzione degli eventi.

Il sistema di videosorveglianza dovrà inoltre essere: ampliabile con facilità e in grado di inglobare altri sistemi definiti secondo accurati standard; un sistema che consenta l’interazione intelligente ed automatica dei dispositivi con gli eventi, in modo tale da fornire allarmi automatici e non dipendenti da un operatore che guarda un monitor.

Il lavoro in oggetto prevede la realizzazione di un sistema di Videosorveglianza basato su un’infrastruttura di mista Wireless e fibra ottica in grado di garantire la massima affidabilità e la massima sicurezza nella veicolazione delle informazioni. Verrà quindi realizzata una piccola MAN cittadina (Metropolitan Area Network) con le dorsali di comunicazione realizzate con parti in fibra ottica e parti Wireless. L’intera soluzione proposta si basa su un’architettura che prevede l’uso del protocollo TCP/IP dalle telecamere al server di registrazione, posizionato all’interno di un locale tecnico nel Palazzo Comunale, e ai client per le postazioni operatore, posizionati all’interno del Comando della Polizia Municipale.

Sarà prevista la realizzazione di una Sala Operativa di Supervisione e Controllo, localizzata presso la nuova sede del Comando dei Vigili Urbani, che consentirà la visualizzazione e la gestione delle immagini provenienti da tutte le telecamere in campo. Gli apparati di registrazione, di archiviazione saranno contenuti in un rack allocato all’interno di un apposito locale tecnico presso la nuova sede del Comando dei Vigili Urbani, ritenuto idoneo dalla stazione appaltante. Per l’alimentazione degli apparati preposti alla gestione e registrazione (server, switch, ecc.) presso il locale tecnico sarà installato un quadro elettrico con protezioni e sezionatori ed una stazione di energia (UPS) dimensionata per garantire una adeguata autonomia in caso di mancanza di energia elettrica. Per ridurre l’impatto delle telecamere si sono scelti apparati molto compatti, dotati di custodie ad alta protezione ma dal limitato impatto estetico.

Tutte telecamere sono certificate IP66 (protezione dall’ingresso di polvere e di acqua in situazioni di getti di acqua piovana) e sono tele alimentabili con tecnica PoE (Power over Ethernet: vale a dire utilizzando lo stesso cavo che le collega alla rete dati Ethernet), custodia inclusa; tutte le custodie sono ad elevata protezione e atte a supportare un range operativo dai meno 40 ai più 50°C.

L'obiettivo che si intende perseguire è quello di aumentare e migliorare la sicurezza dei luoghi pubblici, monitorando la presenza di persone in maniera discreta ed efficace.

[da La Voce del Paese del 28 Aprile]

Noicattaro. telecamera intero