Domenica 18 Agosto 2019
   
Text Size

LA NOICATTARO CHE VERRA'

300px-Campanile_noja

Se Noicàttaro dovesse vincere il finanziamento Pirp, a breve si attendono le graduatorie, e con in aggiunta i fondi comunali stanziati, il centro storico nojano e la periferia dove è sito il vecchio ospedale cambieranno completamente aspetto. Alla base di tutto questo c'è la volontà di rigenerare il nucleo antico e la zona periferica  del vecchio ospedale, per il quale è previsto il  recupero e riutilizzo dello stesso che diventerà  residenza sanitaria per anziani e poliambulatorio a servizio della cittadinanza.

 

Per il centro storico è prevista una commissione urbanistica e per l'edilizia  alla quale parteciperanno storici dell'arte e dell'architettura che ridisegneranno il centro storico stesso nel rispetto della sua storia ma traghettandolo verso una nuova vivibilità e sottraendolo alla dimenticanza attuale.

Al Pirp si è partecipato attraverso il piano Uno sguardo al Futuro, redatto dall'architetto comunale Vincenzo Lasorella.

Ai fondi che si adopereranno per questo restyling dicevamo si aggiungeranno anche altri, provenienti dalle casse del consiglio comunale stanziati per il Piano strategico Borri, dal nome del professore e ingegnere del politecnico di Bari, capo del dipartimento di Architettura e Urbanistica, il quale ha firmato la consulenza scientifica.

 

Per il centro storico sono anche previste:

aliquote ICI speciali del'1 % anziché del 4%, applicabile agli interventi di ristrutturazione edilizia nelle abitazioni private da dare in locazione;

il bonus comunale per il rifacimento delle sole facciate;

l' esenzione della tassa di occupazione di suolo pubblico;

il sostegno all'avvio di nuove attività commerciali;

la ripavimentazione di Via Madre Chiesa e delle zone adiacenti; (augurandoci che non privino il nucleo antico delle chianche attuali per inserire asettiche forme di pavimentazione e che vi sia quindi una ricollocazione organica delle storiche basolature ).

una nuova rete di illuminazione;

un nuovo arredo urbano ricco di fioriere;

un piano del colore degli edifici;

zone a traffico limitato e parcheggi multi piano interrati con posti riservati ai residenti del centro storico.

 

Negli auspici il tutto avverrà con particolare riguardo  alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico,  con la volontà di ripopolare l'abitato antico e riportandolo a buona lena nei suoi risvolti sociali ed economici.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI