Giovedì 24 Ottobre 2019
   
Text Size

INTERVISTA AD ARCANGELA DI GIOIA

Di_Gioia_Arcangela_sm
Arcangela Di Gioia, è a lavoro da due anni e mezzo con il ruolo di coordinatrice di Noicàttaro a Sinistra, gruppo che si è caratterizzato per porre attenzione all'ambiente e alla partecipazione attiva. Laureata in giurisprudenza, lavora nella pubblica amministrazione. Ha promosso con il suo gruppo alle scorse elezioni la lista Sinistra per Noicàttaro la quale ha appoggiato l'attuale sindaco eletto.

D: Come sono andate le elezioni?

R: Il risultato lo giudico positivo per un gruppo giovane, non impegnato da tanti anni nella politica. Con quasi 500 voti siamo stati riconosciti a livello di presenza sul territorio. Come prima esperienza non è male, anche se purtroppo non ci ha consentito di avere un consigliere.

Abbiamo però depositato un ricorso per un voto contestato e sul quale attendiamo risposta dal T.A.R. Quel voto lo riteniamo valido e ci auguriamo di vedercelo assegnato.

D: Come giudica il consiglio comunale e la sua giunta?

R: Al momento non mi sento nella posizione di poter giudicare, non ha iniziato a lavorare e non è politicamente corretto esprimere un giudizio ora.

Certo ci sono delle situazioni che mi sono sembrate un po' strane, alcune persone mesi addietro hanno contestato l'attuale sindaco e ora sono presenti nella giunta. Comunque questo atteggiamento, queste situazioni, fanno parte della politica e non c'è da scandalizzarsi.

D: Vi aspettavate un ruolo all'interno della giunta?

R: Sì, ce lo aspettavamo, potevamo dare un aspetto di novità. Ci sarebbe piaciuto un riconoscimento anche per tutto il nostro lavoro svolto sul territorio, come quello che abbiamo fatto per la sensibilizzazione della cittadinanza sulla raccolta differenziata. Non avere un consigliere ha significato non avere un assessore.

D. Quale il vostro ruolo ora?

R: Lavoreremo con il sindaco, con gli assessori. Ci sarò io come esponente del gruppo

all'interno dello staff del sindaco e a supporto degli assessori che richiederanno la nostra consulenza.

D: Di cosa ha bisogno Noicàttaro?

R: E' fondamentale incentivare i processi partecipativi. Noicàttaro è un paese che ha bisogno di uno slancio culturale. Questo lo si può fare promuovendo la partecipazione attiva dei cittadini, ad esempio se non si coinvolgono i cittadini per rispettare l'ambiente, se non li si rende rendi partecipi nel capire l'importanza di quell'atto, come può crescere culturalmente un paese? Le problematiche diventano piu' semplici da risolvere se si attivano i processi partecipativi.

D: Il consigliere comunale, capogruppo del Pdl al comune di Noicàttaro, Gerardo Decaro,

si è detto dispiaciuto del fatto che non siete entrati in consiglio, ritenendovi unica spina nel fianco a sinistra, vuole rispondere?

R: Mi fa piacere che il consigliere Decaro pensi questo del nostro gruppo. Ci tengo a precisare che però non vogliamo essere spina nel fianco in maniera aprioristica. Se c'è bisogno di pungolare ci saremo, ma avremo anche un atteggiamento di tipo collaborativo.

Commenti 

 
#2 EUGENETIX 2009-09-29 00:06
la vera disciplina dei compagni non è la politica ma è la matematica. appena si è multipli di due ci si divide per creare un nuovo partito con la pretesa di unire la SINISTRA.
per la pseudo sinistra di Noicattaro "Ambizioni di tutti, capacità nessuna"
 
 
#1 nojano 15 agosto 09 2009-08-15 14:15
CI AUGURIAMO CHE POSSIATE VINCERE AL TAR IL VOSTRO RICORSO
E NON ABBIATE A COMPORTARVI COME I COMPAGNI SCOMPAGNI
DEL TRILUSSA. I CITTADINI DI NOICATTARO VOGLIONO IL VERO
CAMBIAMENTO DELLA POLITICA LOCALE E NON LE CHIACCHIERE VUOTE.

Er compagno scompagno

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d'arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d'un capitalista.

Quanno da un finestrino su per aria
s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio,
pensa - je disse - che ce so' pur'io
ch'appartengo a la classe proletaria!

Io che conosco bene l'idee tue
so' certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

- No, no: - rispose er Gatto senza core
io nun divido gnente co' nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so' conservatore!

I COMPAGNI ARRABBIATI
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI