Venerdì 03 Aprile 2020
   
Text Size

Trasferta negativa per la Virtus, 7-3 per il Cristian Barletta

Noicattaro. Virtus Barletta front

 

Le scorribande di Anòs mettono in crisi la retroguardia virtussina che cede anche troppo facilmente ai colpi di Sergio. A condizionare la prestazione della Virtus Noicattaro è stata soprattutto la precaria condizione fisica di alcuni dei suoi protagonisti, i quali, per forza di cose, non hanno potuto esprimere al meglio le loro potenzialità.

La cronaca. Chiaffarato ripropone il suo quintetto di fiducia con Bellobuono, Ferdinelli, Perez, Dell’Olio e Solidoro. Per Dazzaro dal primo minuto partono: Capuano, Capacchione, Vivaldo, Anòs e Paganini.

Minuti iniziali di gara sostanzialmente equilibrati. A rompere gli indugi ci pensa Perez (15’27” p.t.), imbeccato da Ferdinelli, bravo a recuperare palla ed a servire il compagno. La reazione del Cristian Barletta è immediata, ma Bellobuono si fa trovare attento in più di una occasione. È uno schema da calcio d’angolo a riportare la parità al Pala Disfida, l’autore della rete è Sergio (10’14” p.t.) che diventerà, in collaborazione con Anòs, il vero e proprio mattatore della partita. I nojani si spingono in attacco per provare ad andare a riposo con un risultato positivo, ma sono i padroni di casa a trovare la via del goal ancora con Sergio (3’45” p.t.), successivamente ad un’azione personale con il quale supera il portierone partenopeo. Primi venti minuti conclusi con il vantaggio dei locali per 2-1.

Nella seconda frazione si riprende con gli stessi quintetti visti al fischio d’inizio della gara. I padroni di casa mostrano le loro intenzioni costringendo Bellobuono al miracolo su Vivaldo. È capitan Ferdinelli (16:01 s.t.) ad aprire le danze nel secondo tempo, trovando una deviazione fortunata della difesa avversaria. Due minuti dopo Anòs inventa e Sergio (14’01” s.t.) realizza facilmente il 3-2. È ancora una deviazione, questa volta a sfavore della Virtus, a declinare le sorti dell’incontro; infatti su un tiro senza troppe pretese di Paganini (12’00” s.t.), arriva l’opposizione di Solidoro, che devia alle spalle del numero 12 rossonero. Per il 5 -2 la musica è la solita, Anòs serve una palla d’oro a Sergio (9’12” s.t.) che deve solo spingere la sfera in porta per realizzare il poker personale. È Perez (8’50” s.t.) a riaccendere la fiamma della speranza con un fendente rasoterra da calcio di punizione valido per 5-3. A gettare acqua su fuoco ci pensa Vivaldo (7’10” s.t.) successivamente ad un contropiede perfetto dei locali. La reazione dei ragazzi di mister Chiaffarato è affidata a Fanelli, il quale rimpiazza Bellobuono, per sfruttare la superiorità numerica. Gli ospiti non riescono a ridurre lo svantaggio ed Anòs (1’07” s.t.) chiude il la quattordicesima cara del campionato di serie A2 realizzando, a porta vuota, la rete del definitivo 7-3.

Il prossimo impegno per i virtussini sarà ancora in trasferta, a Rossano, contro l’Odissea 2000. La partita di Coppa Italia era finita con la vittoria all’ultimo respiro dei calabresi. Certamente sabato 3 febbraio 2018 si presenterà una squadra diversa e meno rimaneggiata per affrontare al meglio la gara del Pala Eventi.

Virtus Noicattaro: Bellobuono, Pascale, Loiotine, Fanelli, Palazzo, Ferdinelli, Dell’Olio, Gutierrez, Solidoro, Perez, Lacatena, Ruospo. All. Chiaffarato.

Cristian Barletta: Capuano, Capacchione, Anòs, Sergio, Vivaldo, Gabriel, Bizzoca, Paganini, Prezioso, Filannino, Dazzaro, D’Aloiso. All. Dazzaro.

Ammoniti: Fanelli (VN) Paganini (CB) Bellobuono (VN)

Noicattaro. Virtus Barletta intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI